Niente diretta, siamo inglesi: oscurato il primo quarto d’ora bianconero di CR7

Il primo quarto d’ora di Chievo-Juventus non sarà trasmesso in diretta nel Regno Unito. Colpa di una regola imposta dalla Football Association: non si possono trasmettere partite tra le 14:45 e le 17:15 di ogni sabato pomeriggio.

di Redazione Il Posticipo

Niente CR7, almeno per gli inglesi. Il primo quarto d’ora in bianconero del portoghese non sarà trasmesso in diretta in terra d’Albione. Colpa di una regola imposta dalla Football Association: nel Regno Unito non si possono trasmettere partite tra le 14:45 e le 17:15 di ogni sabato pomeriggio. Una mossa studiata per aumentare l’affluenza negli stadi, con l’intento di…convincere gli spettatori ad ammirare il calcio dal vivo piuttosto che davanti a uno schermo. Una norma che, per ovvi motivi di fuso orario, va a colpire proprio il primo match della Serie A 2018/19 e di conseguenza anche l’attesissimo esordio juventino di Cristiano Ronaldo.

NIENTE FOOTBALL IL SABATO POMERIGGIO – Più che bianconero, dunque, schermo nero. Nel vero senso della parola. Eleven Sports, che detiene i diritti del nostro campionato, ha rilasciato un comunicato in cui conferma che il primo quarto d’ora della partita non andrà in onda, confermando che aderirà a una regola che però ormai appare particolarmente anacronistica. La decisione è infatti stata presa negli anni Sessanta, ma il bando al calcio in TV nel pomeriggio di sabato ha resistito alle rivoluzioni calcistiche dell’ultimo mezzo secolo e si è ovviamente esteso anche ai servizi online. Chi si aspettava di poter vedere CR7 e compagni al Bentegodi in diretta sul proprio computer, dovrà comunque attendere le 17:15 britanniche.

ANCHE FACEBOOK È OUT – Riusciranno gli inglesi a perdersi il primo gol del campionato? Chi si sintonizzerà su Chievo Verona-Juventus troverà già il risultato cambiato? Un piccolo fastidio per gli spettatori, un problema per il network del presidente del Leeds, l’italiano Andrea Radrizzani. Il proprietario di Eleven Sports, che oltre ai diritti della Serie A ha acquistato anche quelli per la Liga, aveva scelto proprio l’esordio di Cristiano Ronaldo per lanciare una massiccia operazione di marketing online, permettendo a tutti quanti di assistere alla partita attraverso il profilo Facebook di Eleven Sports. Ma evidentemente l’imprenditore italiano non aveva fatto i conti con la Football Association. E con le tradizioni. Che a casa di Sua Maestà vanno sempre rispettate, anche quando non si è molto d’accordo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy