Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Nicola: “La sfida con l’Inter era un’opportunità. Non cambia nulla, continua a dipendere tutto da noi”

Il Genoa cede all'Inter: adesso la salvezza è un po' più complicata ma il tecnico serra le fila e richiama il gruppo.

Redazione Il Posticipo

Il Genoa, un po' stanco, si arrende all'Inter. E la strada per la salvezza rischia di tornare in salita. Nicola analizza la sfida ai microfoni di Sky sport.

FILOTTO - Nicola manca il filotto. Forse era troppo. "Abbiamo pagato la qualità dell'Inter, la sfida era impostata per potersela giocare ma è chiaro che in certe circostanze come nel primo gol, potevamo essere più attenti e anche nell'ultimo passaggio siamo mancati un po'. La squadra ha giocato per far punti e mi è piaciuto". Adesso il calendario è in salita. "Sappiamo di dovercela sudare sino all'ultimo ma la prestazione non è negativa, la squadra ha dato tutto, adesso ci sono partite importantissime, tutte vere e dobbiamo essere coscienti che tutto dipende da noi".

CONCENTRAZIONE - Nicola ha radunato i suoi al termine. Fila serrate. "Questa sfida con l'Inter era un'opportunità che volevamo provare a sfruttare sino in fondo. Avevamo voglia di giocarcela per fare risultato. Fra primo e secondo tempo abbiamo corretto qualcosa, ma nel momento in cui abbiamo alzato il baricentro abbiamo pagato. Non cambia niente, dobbiamo fare percorso su noi stessi. Si tratta di stare sul pezzo e lavorare. Non sono insoddisfatto, mi spiace non aver dato un indirizzo diverso alla partita. Abbiamo creato qualche situazione pericolosa che poteva mettere il giocatore a tu per tu con portiere. Pandev va dosato non può giocare sempre.Fortunatamente abbiamo una rosa ampia che ci ha permesso di arrivare a giocarci le ultime due partite con la possibilità di centrare la salvezza. Giocando ogni tre giorni non è facile mantenere espressione di gioco costante".