Neymar va a vedere la Coppa Davis, Tuchel prende atto: “Non sono né suo padre né la polizia”

Il rapporto tra l’attaccante brasiliano e l’allenatore tedesco continua ad essere teso dopo l’ultima estate decisamente burroscosa. Questa volta Barcellona non c’entra niente: Neymar è stato avvistato a Madrid e Tuchel non l’ha presa bene…

di Redazione Il Posticipo

Un’altra fuga, l’ennesima dopo le parole d’addio della scorsa estate: Neymar va avanti per la sua strada anche se questo significa fare infuriare il suo allenatore Thomas Tuchel. Tra i due non corre buon sangue e gli avvenimenti delle ultime ore potrebbero far precipitare il rapporto. L’allenatore tedesco comincia ad essere stufo del suo giocatore, che appena può scappa nella sua amatissima Spagna…

“NON SONO SUO PADRE” – Nella conferenza stampa della vigilia di Psg-Lilla, i giornalisti hanno chiesto a Tuchel che cosa ne pensasse della sortita di Neymar a Madrid per assistere dal vivo alla nuova Coppa Davis. Il tedesco, come riporta Sport.es,  è un misto fra lo schietto e il rassegnato: “Che cosa ci posso fare? Non sono suo padre, non sono la polizia, sono il suo allenatore e in quanto tale questo viaggio fatto proprio in questo momento non mi piace affatto“. Tuchel però ha provato anche a stemperare i toni della polemica: “Non è il momento di perdere la testa. Neymar è stato professionale nelle ultime settimane, in cui ha lavorato persino più di altri giocatori. Contro il Lille giocherà, ma non per novanta minuti. Dobbiamo decidere se farlo partire titolare oppure farlo entrare a partita in corso perchè torna da un infortunio”.

REPLICA – Neymar ha avuto un problema fisico nel corso dell’amichevole Brasile-Nigeria (1-1) che è stata disputata lo scorso ottobre. Il giocatore è tornato in Spagna dieci giorni dopo la sua sortita a Barcellona, dove è andato per tirare il fiato e divertirsi dopo settimane dure. Il giocatore ha replicato all’allenatore, ma il suo messaggio è parso un po’ enigmatico: “Quando ti preoccupi, ingigantisci i problemi; non preoccuparti, sii felice”. Tuchel incassa a distanza. Un gol contro il Lille basterà per chiudere l’ennesimo caso? Difficile, e anche se dovesse capitare il brasiliano non passerà di certo i prossimi mesi con le mani in mano. La Spagna gli manca e ci vorrebbe ritornare in via definitiva.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy