Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Neymar, nessuno interessato…tranne il fisco: il brasiliano deve 35 milioni allo stato spagnolo e ne chiede 26 al Barça

Il brasiliano è rientrato a Parigi ma è un separato in casa. Il suo trasferimento, però, è un caso. Le big a cui O'Ney avrebbe fatto presente la sua disponibilità al trasferimento, non sembrano interessate. Ma qualcuno che cerca Neymar...c'è.

Redazione Il Posticipo

È un momento un po' particolare per Neymar. Il brasiliano è rientrato a Parigi ma è un separato in casa, con lo stesso tecnico Tuchel che ha spiegato che sa benissimo che il calciatore vuole andarsene. Il suo trasferimento, però, è un caso. Chi può permettersi di pagare gli oltre 200 milioni che il PSG vuole ottenere lasciando andare il verdeoro? Al momento, non il Barça, che deve prima cedere se vuole pensare al grande ritorno. E, da quanto filtra, anche le altre grandi a cui O'Ney avrebbe fatto presente la sua disponibilità al trasferimento, non sembrano interessate. Ma qualcuno che cerca Neymar...c'è.

FISCO - E non è una buona notizia per il brasiliano, visto che si tratta del fisco spagnolo. Che continua la sua campagna di...recupero crediti nei confronti dei calciatori. Dopo l'accordo raggiunto con Cristiano Ronaldo e quelli con tanti altri calciatori per irregolarità fiscali, stavolta tocca proprio a O'Ney. Secondo El Mundo, il numero 10 del PSG avrebbe evitato di versare imposte per una cifra molto importante, nell'ordine dei 35 milioni di euro. Il che potrebbe portare lo stato spagnolo a dei pignoramenti forzati per ottenere il credito richiesto. E a finire nel calderone c'è il premio di rinnovo da 26 milioni per cui il brasiliano è in causa con il Barça.

CAUSA - Prima del pagamento della clausola da parte del PSG, infatti, Neymar aveva firmato un prolungamento del suo contratto con il Barça, che prevedeva un premio fedeltà. Una cifra che però i catalani, dopo il trasferimento shock del brasiliano, non ha mai pagato. Tra le due parti è ancora in corso un contenzioso, per cui tra l'altro è prevista a breve un'udienza. Ma visti gli ultimi sviluppi, potrebbe tutto finire in una bolla di sapone, con i soldi richiesti da Neymar che rischiano di finire dritti dritti nelle casse del fisco spagnolo, che ne ha chiesto il blocco preventivo. I catalani, dal canto loro, hanno fatto presente a O’Ney che la rinuncia ai 26 milioni è uno dei punti cardine per un suo eventuale ritorno a Barcellona. E vai a vedere che alla fine a bloccare il rientro del figliol prodigo...non siano le cartelle esattoriali!