Neymar e il rinnovo: il brasiliano pone le condizioni a Leonardo

Il dirigente alle prese con diversi casi complicati, comprese quello del connazionale.

di Redazione Il Posticipo

Neymar e il PSG, la telenovela è sul punto di ricominciare. Secondo quanto riportato da Telefoot il brasiliano ha posto le sue condizioni per il rinnovo del contratto. Alla scadenza non manca moltissimo tempo: il contratto che lega il fuoriclasse brasiliano al PSG scade nel 2022 e dunque entro la prossima estate va trovata una soluzione.

APPROCCIO – Secondo quanto riportato oltremanica, il brasiliano ha avuto i suoi primi approcci con la dirigenza della squadra francese, ma non ha ancora confermato la sua volontà di prolungare il contratto. Un atteggiamento che non lascia serena la dirigenza del club francese nonostante l’incontro con Leonardo.

CONDIZIONI – Nel faccia a faccia tutto brasiliano, Neymar ha posto le sue condizioni. Che non sarebbero negoziabili. In primis, il progetto tecnico. Il giocatore ha preteso garanzie sul futuro di una squadra che non più di qualche mese fa ha sfiorato la Champions League sfumata in finale con il Bayern. La seconda, invece, è squisitamente economica. Neymar accetta di continuare la sua esperienza in Francia, purché il suo salario non sia ridotto di un solo centesimo di euro. Pretese legittime, ma che si scontrano con le esigenze di un club che sebbene abbia alle spalle una proprietà ricchissima non può non fare i conti con la situazione attuale.

DIFFICILE – La prima richiesta è tutto sommato accettabile. La seconda appare un po’ più complicata, anche in funzione dell’impatto economico generato dalla pandemia. Neymar non è l’unico giocatore impegnato nelle negoziazioni legate al rinnovo del contratto. I colloqui riguardano anche altri big come Mbappé e Di Maria. E se queste sono le premesse, Leonardo è atteso da un durissimo ed estenuante lavoro per accontentare le esigenze del sui club e farle coincidere con quelle delle casse del club.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy