Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Newcastle, ufficiale l’addio di Bruce: buonuscita da 9 milioni, squadra affidata al vice in attesa di un top

NEWCASTLE UPON TYNE, ENGLAND - SEPTEMBER 17: Steve Bruce, Manager of Newcastle United  looks on during the Premier League match between Newcastle United and Leeds United at St. James Park on September 17, 2021 in Newcastle upon Tyne, England. (Photo by Ian MacNicol/Getty Images)

Steve Bruce sapeva di avere le ore contate. Le voci di un suo possibile addio alla panchina bianconera sono cominciate nel momento stesso in cui è stata annunciata la cessione del Newcastle al fondo saudita. E si sono rivelate esatte...

Redazione Il Posticipo

E alla fine, rivoluzione è stata. L'arrivo alla guida del Newcastle del fondo saudita PIF ha creato parecchie polemiche in molti ambiti, tra critiche sui diritti umani e l'ingresso dell'ennesimo fondo di uno stato sovrano nel calcio che conta. Ma una delle conseguenze più attese del cambio di gestione era certamente legata al campo e al tecnico Steve Bruce. L'ex difensore dello United, che tra le altre cose è anche nato e cresciuto a 25km da St. James' Park, sapeva benissimo che di solito una nuova società non vede di buon occhio un tecnico che non ha scelto. E le voci di un suo possibile addio alla panchina bianconera sono cominciate nel momento stesso in cui è stata annunciata la cessione della società.

RESCISSIONE - Voci che hanno infastidito molti (Gary Neville ha addirittura parlato di "abusi su un dipendente"), ma che alla fine si sono rivelate esatte. Il Newcastle, attraverso i suoi profili social, ha confermato infatti di aver rescisso "di comune accordo" il contratto del tecnico, che dunque lascia St James' Park dopo due stagioni e l'inizio di quella attuale. Certo, i numeri della sua gestione non sono memorabili e la squadra attualmente versa in una situazione complicata, visto che è penultima con appena tre punti, ma non tutti i tifosi sono d'accordo con la scelta. O almeno, con le modalità. Altri però gioiscono alla notizia, perchè al momento la squadra è affidata ad interim al vice Graeme Jones, ma l'addio di Bruce dovrebbe significare che a Newcastle arriverà un tecnico di alto livello per cominciare la scalata.

BUONUSCITA - Già, ma chi? Nelle ultime settimane di nomi ne sono stati fatti tanti, a partire da quelli di Antonio Conte e di Zinedine Zidane. Per quanto riguarda l'ex allenatore dell'Inter, però, ci sarebbe la volontà di prendere la guida di una squadra già pronta per competere al top, piuttosto che farsi carico di un progetto ambizioso e con le finanze per fare benissimo, ma comunque agli inizi. Zizou, invece, sarebbe molto più attratto dalla panchina della nazionale francese (quando Deschamps lascerà) o addirittura da quella della "sua" Juventus. Dunque, la rosa si assottiglia, con in lizza Gerrard e Favre. E spunta addirittura il nome di Rooney, magari per traghettare la squadra alla salvezza in attesa di trovare un tecnico top disponibile. Ma la certezza è che a guidare il Newcastle saudita non sarà Steve Bruce. Che comunque se ne va...con le tasche piene, visto che il Sun parla di una buonuscita da 8 milioni di sterline, quasi 9 in euro. Non male..per il disturbo ricevuto!