Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Neville, che bordata al Barcellona: “Un club disperato e pieno di debiti. Ecco perchè punta alla Superlega!”

Neville, che bordata al Barcellona: “Un club disperato e pieno di debiti. Ecco perchè punta alla Superlega!” - immagine 1
L'ex terzino del Manchester United, ora apprezzato opinionista, ha preso la parola su Twitter mentre si parlava della Superlega e ha spiegato perchè secondo lui i catalani sono così coinvolti nel progetto...

Redazione Il Posticipo

Qual è la vera situazione economica del Barcellona? Un qualcosa che si chiedono in molti, perchè il mercato non fa altro che confondere le acque sulle possibilità dei blaugrana di spendere soldi. Da una parte il club sta facendo di tutto per incassare denaro fresco, persino affittando il Camp Nou per giocare partitelle da amici o come sede per matrimoni o vendendo in anticipo i diritti TV dei prossimi anni, ma dall'altra le trattative portate a segno parlano di nomi pesanti come quelli di Robert Lewandowski o Raphinha, pagati in totale circa 100 milioni di euro. Dunque, dove sta la verità? I grandi protagonisti del calcio continuano a dire la loro al riguardo, non lesinando certo frecciate ai blaugrana.

L'attacco di Neville

E dopo quelle provenienti da Monaco di Baviera, con Hoeneß e Nagelsmann che a turno si sono chiesti come facesse il Barcellona a comprare Lewandowski, è il turno di Gary Neville. L'ex terzino del Manchester United, ora apprezzato opinionista, ha preso la parola su Twitter mentre si parlava della Superlega e ha spiegato perchè secondo lui i catalani sono così coinvolti nel progetto. "Come mai il Barcellona sta ancora cercando di arrivare alla Superlega? Ecco perchè. È un club disperato, con un debito da 1,3 miliardi di euro, che vende i diritti TV del futuro per utilizzarli per comprare giocatori oggi, nella speranza che questa mossa paghi. Roba parecchio rischiosa per un grandissimo club...".

Rischi economici altissimi...

E in effetti quello dei blaugrana sembra un bel rischio, perchè il club è parecchio esposto e sta cercando in ogni modo di ottenere anticipi su quelli che saranno gli ingressi economici dei prossimi anni. Il ragionamento, però, è che se sportivamente parlando le prestazioni della squadra continueranno a essere negative come quelle della stagione 2021/22, i soldi che entreranno nelle casse societarie saranno comunque meno, dunque c'è la necessità di mettere a disposizione di Xavi una rosa attrezzata, altrimenti la spirale negativa potrebbe continuare. Quello che è certo è che questa sarà un'annata spartiacque per i catalani. E che se è vero che con Lewa, Kessiè e gli altri gli obiettivi sembrano più raggiungibili, fallire dal punto di vista sportivo sarebbe un rischio anche da quello economico...