calcio

La profezia di Neville: “Guardiola e Klopp non avrebbero mai preso Lukaku…”

La profezia di Neville: “Guardiola e Klopp non avrebbero mai preso Lukaku…” - immagine 1
La scelta del centravanti belga non aveva affatto entusiasmato  l'ex terzino dello United Neville... che ha previsto tutto nei minimi particolari.

Redazione Il Posticipo

Il ritorno di Lukaku in Premier, sinora, è un flop. E mentre si parla di possibile ritorno a Milano, c'è chi aveva chi aveva previsto tutto, con largo anticipo, sin dallo scorso agosto. Trattasi di Neville. L'opinionista, come riportato nel podcats di Overlap, riteneva che il ritorno dell'attaccante belga non fosse stata una grande idea.

MAI - Come spesso gli capita, Neville non lascia spazio alle interpretazioni: "Jurgen Klopp non prenderebbe Lukaku neanche fra un milione di anni. E probabilmente nemmeno Pep Guardiola gli sottoporrebbe un contratto da firmare perché non è quel tipo di calciatore che va a pressare nella metà campo avversaria. Non andrebbe bene neanche all'Old Trafford dove i tifosi pretendono sacrificio e personalità da parte di chi gioca in attacco".

CHELSEA - Infatti lo ha acquistato il Chelsea, che perlomeno aveva una tradizione positiva con i centravanti di peso. "Il Chelsea è, anche storicamente, il club che ha bisogno di un certo tipo di attaccante. Hanno vinto con Diego Costa e Drogba. E in ogni caso hanno sempre cercato un centravanti vecchia maniera, capace di mettere in campo fisicità e tecnica. Credo che Lukaku possa anche segnare, ma resta un attaccante che rischia di non funzionare. A volte può capitare di non trovarsi al momento giusto o di non incontrare il tecnico ideale". Ed è andata proprio così...

La profezia di Neville: “Guardiola e Klopp non avrebbero mai preso Lukaku…”- immagine 2

SCETTICISMO - Uno scettiscismo di fondo, quello di Neville, che non era un caso isolto fra gli opinionisti d'oltremanica. A Neville aveva fatto eco anche Carragher. "Mi sembra che ogni volta si analizzi Lukaku ci sia sempre un "ma" che non viene in mente quando si parla di  un Lewandowski o di un Harry Kane o di altri attaccanti. Evidentemente c'è ancora qualcosa che deve dimostrare. Non ha mai vinto moltissimo nella sua carriera, né è stato quell'attaccante che abbia portato il valore aggiunto ai tempi dello United. E anche allora era considerato un grandissimo acquisto".