Nervi tesi a Barcellona, a fine partita Suarez attacca Piquè: “Non rompermi le p***e”

Dopo la sconfitta contro il Betis, scintille in casa Barça. Suarez, ben sapendo che il difensore lo avrebbe rimproverato di qualcosa (come fa spesso dopo la fine delle partite), ha fatto capire al catalano che forse era il caso di evitare le ramanzine…

di Redazione Il Posticipo

In casa Barcellona il rientro di Messi non poteva andare peggio. Sconfitta inaspettata e pesante quella casalinga contro il Betis, arrivata tra una papera di Ter Stegen, una difesa non proprio irreprensibile e qualche polemica. Vidal ha sentenziato che “non possono arrivare qui e farci quattro gol”, ma la realtà è che la retroguardia catalana è la peggiore degli ultimi vent’anni e che molti imputano delle colpe al leader del pacchetto arretrato. Piquè non sta vivendo un momento molto felice, il che è testimoniato dalle tensioni che hanno seguito il fischio finale al Camp Nou. Due discussioni abbastanza serrate con Suarez e Vidal.

RAMANZINA – Che l’atmosfera non sia esattamente felice a Barcellona, lo conferma l’atteggiamento dell’uruguaiano, uno dei grandi vecchi della squadra, che non ci sta a farsi rimproverare da Piquè. Come riporta il Mirror, la TV spagnola Movistar ha scoperto che Suarez ha…giocato di anticipo e ben sapendo che il difensore lo avrebbe rimproverato di qualcosa (come fa spesso dopo la fine delle partite), ha fatto capire al catalano che forse era il caso di evitare le ramanzine. “Adesso mi romperai le p***e per un passaggio sbagliato, vero? Ecco, non rompermi le p***e”. Lo spagnolo…accetta il consiglio e evita il discorsetto all’attaccante. Certo, nella concitazione di una sconfitta sono scontri che ci possono stare, ma le parole di Suarez sottolineano che l’atteggiamento di Piquè viene visto come fastidioso da parte dei suoi compagni.

COLABRODO – Ma può anche andare peggio, perchè Piquè ha litigato anche con Vidal. Che si è beccato la lezione…di difesa da parte del compagno per l’errore che ha portato al quarto gol del Betis. “Se dici ‘mia’ va bene, ma non puoi dire ‘io’. Non ho mai sentito dire ‘io’ in vita mia”. Problemi di comunicazione difensiva, confermati dalle statistiche. Quest’anno la retroguardia blaugrana è un colabrodo, soprattutto in Liga, dove ha già subito 18 reti in 12 partite. Certo, di fronte alle 34 segnate sembrano poche, ma considerando che lo scorso anno Ter Stegen è stato battuto solo 29 volte in 38 match, qualche problema c’è. E Piquè non può certo risolverlo litigando con i compagni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy