Neanche una vittoria, il Covid-19 e la cacciata dopo un mese: il Nantes licenzia “l’antipatico” Domenech

L’ex CT della Francia dopo dieci anni di stop ha deciso di accettare di nuovo una panchina, quella del Nantes. Ma la stagione del club bretone sta andando così male che a un mese e mezzo dalla sua assunzione l’ex commissario tecnico…è già stato licenziato. E senza vincere una partita…

di Redazione Il Posticipo

A volte ritornano, ma forse…farebbero meglio a evitarlo. Questa, in estrema sintesi, sembra essere la storia di Raymond Domenech. L’ex CT della Francia, che pure ha portato i Bleus a giocarsi la finale di un mondiale contro l’Italia di Lippi, dopo dieci anni di stop ha deciso di accettare di nuovo una panchina, quella del Nantes. Per il transalpino non si prospettava certo facile, anche considerando che erano quasi trent’anni che non prendeva in mano una squadra di club, ma la stagione del club bretone sta andando così male che a un mese e mezzo dalla sua assunzione l’ex commissario tecnico…è già stato licenziato. E senza vincere una partita. Non proprio il ritorno in grande stile che Domenech sognava.

ESONERO – A confermare il tutto è il profilo Twitter del Nantes, che annuncia…quasi con nonchalance l’arrivo sulla panchina dei gialloverdi di Antoine Kombouare, già tecnico del Paris Saint-Germain prima che gli sceicchi si affidassero a Carlo Ancelotti. Il tutto, spiega il comunicato, per “una nuova spinta affinchè il Nantes possa mantenere il suo posto nella massima serie. E poi, già che ci sono, viene annunciato l’esonero di Domenech. Non esattamente una notizia inattesa, considerando che da quando è arrivato l’ex CT il club bretone non ha vinto neanche una partita e che la striscia negativa di 15 partite senza portare a casa i tre punti faceva pensare che un altro cambio in panchina sarebbe stato probabile a breve.

(Photo by Clive Rose/Getty Images)

COVID – Insomma, in poco più di un mese “l’antipatico” del calcio francese è riuscito nell’impresa di tornare…e di farsi mandare subito via. E tanto per rendere la cosa ancora più tragicomica, Domenech non ha neanche potuto dirigere quella che in teoria era la sua ultima partita da allenatore in carica, in Coppa di Francia contro il Lens. Per l’ex CT, positivo al Covid-19 nella scorsa settimana ma poi negativizzato, è arrivato il veto della federazione francese, che non permette di andare in campo o in panchina prima di una settimana dall’ultimo tampone negativo. Quindi Domenech non si è goduto l’ultima…impresa dei suoi, la sconfitta contro la squadra giallorossa. E conoscendo il transalpino, si può dire che questo finale assurdo..sembra scritto nelle stelle.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy