Nè Modric, nè Mbappè: il candidato a sorpresa di Shevchenko per il Pallone d’Oro

Nonostante al Chelsea Andriy Shevchenko non sia assolutamente ricordato come meriterebbe, il CT dell’Ucraina ha parlato dei Blues, soffermandosi sulle due figure più importanti della squadra: Eden Hazard e Maurizio Sarri.

di Redazione Il Posticipo

Al Chelsea Andriy Shevchenko non è assolutamente ricordato come meriterebbe, anzi. Qualche anno fa, un sondaggio lo ha eletto peggior flop di mercato dell’era Abramovich, superando persino Fernando Torres, un altro che a Stamford Bridge non è che abbia dato esattamente il meglio di sé. Ma l’attuale commissario tecnico della nazionale ucraina ha comunque ottimi ricordi del suo periodo a Londra e in un’intervista concessa a Goal ha parlato molto dei Blues. Soffermandosi, ovviamente, sulle due figure più importanti della squadra con cui ha giocato tra il 2006 e il 2009: Eden Hazard e Maurizio Sarri. Per entrambi, il giudizio di Sheva è più che lusinghiero.

HAZARD – In particolare per il belga, che qualche giorno fa sosteneva di dover andare in Spagna per avere qualche possibilità di vincere il Pallone d’Oro. Non secondo chi il trofeo l’ha portato a casa nel 2004. Hazard può sollevare il prestigioso trofeo e può farlo anche in questa stagione con la maglia del Chelsea. “Perchè i premi individuali li vincono sempre gli attaccanti? Perchè sono quelli che terminano le azioni offensive. E alla gente piace vedere segnare gol. Hazard è un calciatore fantastico, fenomenale, ma finora è stato poco considerato perchè non riusciva a segnare i 20-25 gol a stagione dei suoi grandi rivali. Ma quest’anno è già a otto, quindi è perfettamente in media per arrivare a quelle cifre. E ha tutte le possibilità di vincere il Pallone d’Oro”. Niente Modric, nè Mbappè, dunque. Al Chelsea saranno felici.

SARRI – Così come lo saranno di sentire le parole di Sheva su Sarri e sulla rivoluzione che il tecnico toscano ha portato a Stamford Bridge dopo anni di calcio speculativo targato Mourinho e Conte. Un cambiamento che l’ucraino ha visto da vicino, dato che è andato al centro sportivo di Cobham per assistere agli allenamenti del Chelsea. “Il Chelsea ha un’ottima squadra, una rosa davvero eccellente. E la struttura di gioco che Sarri incoraggia è perfetta per i calciatori che ha a disposizione. Sono tutti ragazzi a cui piace giocare un calcio creativo. La squadra ha cominciato benissimo, mostrando sia calcio di alta qualità che risultati importanti”. Anche Sarri più che promosso dunque. E al Chelsea sperano che l’ucraino sia meglio come…opinionista che come calciatore. Almeno, rispetto a quel che ha mostrato a Londra!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy