Nasce “Ancenitez”: i tifosi del Napoli si sfogano sui social e Ancelotti diventa… Benitez

Secondo alcuni tifosi l’Ancelotti di Napoli è solo un Benitez con più prestigio e titoli internazionali. E sui social, tra ironia e creatività nascono delle metamorfosi: ecco “Ancenitez”.

di Redazione Il Posticipo

Dopo la sconfitta contro la Roma, in molti si stanno chiedendo cosa stia accadendo al Napoli. La risposta in effetti non c’è. O meglio, non ce n’è una univoca. Il problema, secondo i tifosi è rintracciabile una sorta di sortilegio in panchina. E che l’Ancelotti di Napoli sia stia trasformando in “un Benitez”. Non uno qualsiasi. Un Benitez  con più prestigio e titoli internazionali. E sui social, tra ironia e creatività si completa la metamorfosi: ecco “Ancenitez”.

È DURA – Chissà quanto deve essere difficile da sopportare, per i tifosi azzurri, questa situazione. Probabilmente parecchio, per arrivare a mettere in dubbio un coach del calibro di Carlo Ancelotti. Tra l’altro, i dubbi arrivano anche da tifosi azzurri all’estero. Un tifoso francese si chiede come mai “Ancelotti ha il miglior Napoli dell’era ADL e non riesce a fare meglio di Benitez che però aveva giocatori come Britos, De Guzman e Reina“.

NON “COME” MA “PEGGIO” – Anche dalla Spagna arrivano i commenti: “Ancelotti sta distruggendo la miglior rosa del Napoli degli ultimi anni con questo 4-4-2. Mazzarri, Benitez e Sarri facevano di più con peggiori giocatori. Che delusione“. Dall’Italia, invece, i commenti sono altri. Qualcuno ritiene Ancelotti non come Benitez: anche peggio.

LESA MAESTÀ –  L’amarezza è papabile, ma c’è anche qualcuno che ci pensa due volte prima di lanciare accuse a uno dei professionisti più vincenti del calcio europeo. “La realtà è che questa società, questa squadra e questo ambiente non sono ancora pronti per un determinato tipo di allenatore e probabilmente anche un certo tipo di allenatore non è ideale a questo tipo di situazione. Ancelotti sta facendo lo stesso percorso di Benitez“. Anche per qualcun altro la colpa non può essere dell’allenatore ma del presidente che non è riuscito ad accontentare le sue richieste di mercato che sarebbero state indispensabili per improntare il campionato in un certo modo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy