Tremoulinas, un veterano d’Europa come vice-Ghoulam

Per il Napoli appare necessario coprire il buco che il nuovo crac di Ghoulam lascerà in rosa fino a fine aprile. Le uniche occasioni vengono dalla primavera e dal mercato degli svincolati, come Tremoulinas.

di Redazione Il Posticipo

Vedendo gli ultimi anni, i calciatori del Napoli non si infortunano poi così spesso, ma quelli a cui accade sono decisamente in credito con la sfortuna. Prima Arek Milik, che ormai da due anni fa la spola tra campo e infermeria. Ora è toccato a Ghoulam, che a pochi giorni dal rientro ufficiale (almeno in panchina) si ferma per un altro mese e mezzo, salutando di fatto la stagione. Giusto una settimana dopo la fine del mercato, quando Giuntoli non si era (giustamente) mosso per un terzino sinistro, ben sapendo che l’algerino era sulla via della guarigione completa. Ora però che si fa in casa Napoli?

Serve un vice-Ghoulam di esperienza

Anche solo da un punto di vista numerico, appare necessario coprire il buco che il nuovo crac di Ghoulam lascerà in rosa fino a fine aprile. Il problema è che ora le uniche occasioni di inserire volti nuovi vengono dalla primavera e dal mercato degli svincolati. E se i giovanissimi del Napoli presentano un interessante prospetto come Scarf, già convocato più volte da Sarri, è anche vero che giocarsi un rush scudetto con la consapevolezza che un raffreddore di Mario Rui potrebbe mettere la fascia sinistra in mano ad un debuttante (per quanto con ottime prospettive), rende pressochè necessario portare a Napoli un calciatore di esperienza, che magari non giocherà neanche un minuto, ma che dà maggiori garanzie come panchinaro.

Tremoulinas, un veterano d’Europa

Uno come Benoit Tremoulinas, svincolatosi dal Siviglia nell’estate 2017 e ancora a piede libero. Un calciatore dalla grande esperienza europea, avendo vinto due volte l’Europa League con gli andalusi, e che conosce due dei grandi campionati del continente, oltre all’esperienza a Kiev con la maglia della Dinamo. Carriera partita dal Bordeaux, dove cresce e si afferma, proseguita poi al Saint-Etienne, in Ucraina ed infine a Siviglia, dove lo porta Monchi. Per lui anche cinque presenze nella nazionale maggiore, tutte nel suo ruolo naturale, quello di terzino sinistro. Proprio la casella lasciata scoperta da Ghoulam.

Una riserva fino a fine aprile

Il francese ha passato la prima parte di stagione a combattere con una lacerazione al menisco, ma ora sarebbe pronto a scendere in campo. Anzi, in panchina, previa ovviamente un minimo di preparazione fisica. Nel frattempo Sarri potrebbe tranquillamente continuare a portare con sè Scarf, ben sapendo che comunque anche Hysaj può tappare il buco, ma alla lunga, nel rush finale, il Napoli avrebbe a disposizione, anche se solo per qualche mese, una riserva tranquilla e di grande esperienza. Poi, a fine aprile, tornerà di nuovo Ghoulam. Stavolta, si spera, definitivamente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy