La chiave della porta del Napoli si chiama Perin

Dal nuovo mito dei portieri di movimento si passa al movimento dei portieri. Alcuni tra i più apprezzati numeri 1 della serie A sembrano destinati a cambiare maglia. La porta del mercato, per ora, è chiusa. E la chiave è a Napoli.

di Riccardo Stefani

Gennaio si avvicina e questo non significa solo che siamo in pieno clima natalizio ma anche a ridosso della finestra di mercato invernale. Già dalla scorsa estate si erano intavolate delle trattative, o quantomeno così sembrava, per stravolgere gli estremi difensori di alcune squadre. Il Napoli cercava il vice/successore di Reina, il Milan cercava di coprire l’eventuale buco lasciato da Donnarumma (dato da tutti come già al terminal di Malpensa) e guardava con interesse a Perin. Mancati rinnovi, polemiche, proposte indecenti o indecenti propositi che siano, tutto è stato lasciato cadere nell’oblio delle trattative fallite all’inizio della stagione e le porte sono rimaste blindate. Ma ora, a dicembre inoltrato, la neve scende ma cose lasciate in estate, sempre lì restano.

LA CHIAVE Si chiama Perin

Più che una finestra, quindi, potremmo meglio definire la prossima come una porta di mercato, la cui serratura è ben fatta. Serve quindi la chiave adatta o, ancora meglio, un bel passepartout. Che pare sia custodito a Castel Volturno e ha un nome e un cognome: Cristiano Giuntoli. Già perché il DS partenopeo, dopo la lunga vicenda Reina, vuole bloccare un portiere giovane ma esperto, affidabile e possibilmente con un buon carattere. Non è difficile risalire all’identità di Mattia Perin, il ritorno di fiamma nella Lanterna. Il Napoli ha già monitorato il ragazzo di Latina la scorsa estate, ma le vicende societarie del Genoa, il contratto a lungo termine del giocatore e il suo valore intrinseco per la squadra hanno ostacolato i partenopei nella trattativa. E allora perché stavolta dovrebbe andare diversamente?

L’ALTRA NAPOLI ed un altro nome

In gioco c’è un’altra parte di Napoli, stavolta. Più precisamente, in gioco c’è Castellammare di Stabia, città natale di Gigio Donnarumma, dato di nuovo in partenza, sul cui capo pesa l’interesse di molte squadre interessate all’erede di Buffon. E il Milan? Beh, dopo la prevista e prevedibile iterazione dei malumori della scorsa estate, dopo le critiche dovrà intervenire sul mercato. Durante la scorsa sessione, oltre alle questioni finanziarie, a Milanello ha tenuto banco la questione dei “troppi” giovani, quindi la prossima potrebbe portare in rosa un portiere più stagionato ma affidabile. E perché non Pepe Reina? Dalla Spagna si propaga questa indiscrezione, di trattative intavolate non ne risultano, però… È tutto da vedere, specie se i rossoneri riuscissero a battere sul tempo gli azzurri per arrivare a Perin. In alternativa, sia al Napoli che al Milan, piace l’argentino Geronimo Rulli del Real Sociedad. Giovane, agile, scattante e anche carismatico, insomma, un ottimo portiere. Il problema è che anche Rulli ha il suo bel seguito ed uno degli spasimanti si chiama Manchester City. Ed è quindi ovvio che sia dura.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy