Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Napoli e Barcellona nel nome di Diego, capitano di entrambe ma che in Catalogna…si è autoproclamato!

(Photo by Trevor Jones/Getty Images)

Quella tra Napoli e Barcellona è ovviamente una sfida nel nome di Maradona. Il Diez è stato capitano dei partenopei, ma anche in Catalogna ha indossato la fascia. Anzi, come hanno raccontato alcuni suoi vecchi amici...se l'è presa da solo!

Redazione Il Posticipo

I playoff di Europa League regalano una sfida carica di fascino. Quella tra Napoli e Barcellona non è una partita come le altre. L'ultimo precedente si è tradotto nella prima giocata da Messi nello stadio che è stato di Maradona e che ora si chiama come lui. E in generale l'incrocio è la sfida che ricorda Diego. Prima di sbarcare in riva al Golfo, il fuoriclasse argentino ha infatti vestito la maglia del club catalano. Secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo, quando il D10s ha lasciato questo mondo, nella città era scattata  una caccia al 10... di Maradona. Molti tifosi nostalgici o i tanti appassionati, avevano preso d'assalto o ricoperto di richieste i negozi e il sito del Barça di cui Diego è stato anche capitano. Gradi che si è conquistato... da solo, autoproclamatosi sul campo, nel senso più pieno del termine.

ANEDDOTO - L'aneddoto è raccontato da amici storici di Diego che, dopo le partite giocate e spesso vinte al Camp Nou, aveva l'abitudine di andare a cena alla pizzeria Corrientes 348, in via Alicante. Un locale tanto piccolo quanto riservato che garantiva la privacy, imposta da Nestor , Ladilla e Chino Vallejo che ricordano quando, il 9 ottobre 1982 per la prima volta Diego è... diventato capitano del Barcellona." È entrato fresco di doccia, con un sorriso, raccontando le sue gesta e i suoi aneddoti. E noi abbiamo ascoltato". Tutto nasce dopo la vittoria in un derby contro l'Espanyol risolto grazie a una invenzione dell'argentino che permise a Marcos di trovare la rete di testa colpendo un pallone partito dal sinistro del "D10s" con su scritto "spingimi in porta".

DERBY - Secondo quanto raccontato dai gestori del locale, Diego era riuscito a giocare il secondo tempo, grazie a un'infiltrazione, che gli ha alleviato il dolore al nervo sciatico. Ma il motivo della sua gioia, oltre per la vittoria, era per come si era proclamato capitano del Barça. A metà partita Alexanko, il capitano, doveva essere sostituito a causa di un problema al polpaccio. Maradona non si fece sfuggire l'occasione. "Quando Alexanko si è tolto la fascia, Diego l'ha afferrata e indossata". Nessuno ha avuto ovviamente da ridire. E così Diego, a 22 anni, divenne capitano. E poi, ovviamente, lo è stato anche al Napoli...