Napoli, come trasformare la Grande Bellezza in Grande Vittoria?

Il Napoli è bellissimo ma deve anche vincere: e Sarri ha trovato la “pozione” per renderlo solido. Abbinare la sostanza e il sacrificio alla Grande Bellezza.

di Redazione Il Posticipo

Il Napoli è senza dubbio la squadra più bella. Ma i record fini a se stessi servono a poco. Oltre ai risultati e al bel gioco, contano le vittorie. E da Crotone arriva un segnale importante che potrebbe ridisegnare le gerarchie in vetta.

Bello il gioco, bello tutto. Però…non paga

Un Napoli così bello non si era mai visto. Richiama, a volte, il concetto di Grande Bellezza. Splendido narciso, che finisce nel vivere qualcosa di vuoto. Proprio come il Napoli che ha vinto le partite che “doveva”. E sciupato tutte le occasioni per assestare spallate alla classifica. Bellissimo quanto fragile, soffre robustezza, chili e centimetri. Non a caso, non ha superato l’Inter e ha perso con la Juventus. Insomma, più cicala che formica. Tuttavia questo titolo di Campione d’Inverno è molto diverso da quello di due anni. E ha una cosa in comune: non vale niente. Sarri ci ha insistito molto. E non ha torto.

Sarri e la svolta di Crotone

In questa stagione però qualcosa è cambiato. Sin dal famoso patto di Dimaro. Dai tempi di Maradona non vi è una così forte consapevolezza di poter vincere. In questo senso, la trasferta in Calabria ha sancito la nascita qualcosa di diverso. Il Napoli non è stato bello. Anzi, per certi versi non è neanche piaciuto. Ha trovato il gol con una bellissima azione, ma non ha cercato con insistenza il raddoppio. In compenso, però, ha saputo soffrire. Ed è giusto così. Il sacrificio è una componente assolutamente necessaria da accompagnare al talento. Di più. Nè è il naturale compimento. La qualità, da sola, produce risultati che rischiano di essere effimeri. Una solida colata di cemento armato su una struttura molto gradevole rischia invece di trasformare un’idea bellissima in un capolavoro funzionale. Sarà anche per questo che un Napoli più in tuta non dispiace. Anzi. Potrebbe essere persino più affascinante di quello in smoking.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy