Napoli su Asamoah: uno sgarbo alla Juventus?

Napoli, uno sgarbo alla Juventus? Asamoah non rinnova e potrebbe accasarsi in azzurro. L’idea è un biennale o un triennale. E sarebbe utilissimo…

di Redazione Il Posticipo

Asamoah al Napoli? Si può fare: i presupposti sono ottimi. Il ghanese è in scadenza di contratto con i bianconeri e e non vi sono molti margini per il proseguimento del rapporto. A Vinovo ritengono che il calciatore abbia già dato il massimo. E non lo vedono strettamente indispensabile (del resto alla Juventus nessuno lo è, per scelta societaria) per l’immediato futuro. Il Napoli, invece, potrebbe credere ancora nelle potenzialità di un calciatore che ha soli 29 anni ed è nel pieno della maturità fisica. Nei piani tecnici di Sarri (e anche senza di lui) potrebbe essere un prezioso ricambio.

Asamoah, il tredicesimo uomo

Il tecnico toscano ha dodici uomini. L’undici di base più Zielinski. Gli altri cambi sono Rog e Diawara. Con questi uomini, e poco altro, Sarri è in cima al campionato. E vuole restarci. Così come vuole prolungare la propria permanenza a Napoli. Purché la squadra sia potenziata. In questo senso Asamoah racchiude le qualità tecniche e tattiche per coprire il ruolo di “tredicesimo”. Esterno sinistro o mezzala di centrocampo, il ghanese può interpretare entrambe le posizioni senza alcun problema, abbinando forza e qualità.

Cosa darebbe al Napoli

Nel Napoli sarebbe il primo cambio di Ghoulam e una seconda scelta a centrocampo. Le qualità del resto non si discutono. Al netto di qualche disattenzione difensiva, Asamoah è un mancino naturale, di grande corsa. Passo e resistenza fisica, per coprire tutta la fascia o muoversi box to box fra le due trequarti e trovare il modo di servire assist ai compagni senza disdegnare la conclusione personale. Asamoah, fra l’altro, è già perfettamente rodato nel campionato italiano e non avrebbe grandi difficoltà ad adattarsi negli schemi di Sarri, essendo un calciatore che preferisce pochi tocchi e in grande velocità nella distribuzione del gioco e nei movimenti, anche senza palla. Sostanza e qualità insomma. Restano da risolvere solo i problemi legati all’ingaggio. Asamoah guadagna 2,3 milioni euro. Rientra quindi perfettamente nei parametri degli azzurri, che potrebbero proporgli un biennale o un triennale. Le basi ci sono tutte…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy