Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Nagelsmann contro le critiche: “Ho lasciato fuori Angeliño e sembra quasi che io abbia ammazzato il re!”

LEIPZIG, GERMANY - MARCH 03: Julian Nagelsmann, Head Coach of RB Leipzig speaks during a TV Interview prior to the DFB Cup quarter final match between RB Leipzig and VfL Wolfsburg at Red Bull Arena on March 03, 2021 in Leipzig, Germany. Sporting stadiums around Germany remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Stuart Franklin/Getty Images)

Il terzino, che nella prima parte di stagione è stato l'arma in più del Lipsia, non è neanche stato convocato per la finalissima e i social del club spiegano benissimo il perchè: scelta tecnica. Il tecnico, criticato al riguardo, risponde...

Redazione Il Posticipo

"Nagelsmann è un grande allenatore, ma non ha ancora vinto niente". Parola di Lothar Matthäus, che continua ad avere ragione anche dopo la finale di Coppa di Germania. Il Lipsia non riesce ad acciuffare il primo trofeo della sua storia (se si escludono le competizioni regionali) perchè il Borussia Dortmund passeggia sui sassoni imponendosi 1-4. E ha fatto rumore l'assenza di una delle stelle della squadra di Nagelsmann, Angeliño. Il terzino, che nella prima parte di stagione è stato l'arma in più del Lipsia, non è neanche stato convocato per la finalissima e i social del club spiegano benissimo il perchè: scelta tecnica. Che non ha pagato, visto che sulla sinistra Halstenberg e Haidara non hanno tenuto testa al Borussia.

IL RE - Ma Nagelsmann non ci sta e risponde alle critiche con pugno duro, quello che con tutta probabilità si aspettano da lui anche al Bayern Monaco. Il tecnico, come riporta Ran Sport, ha parlato proprio dello spagnolo nella conferenza stampa dopo il match e si è lamentato di come la sua decisione è stata accolta. "Ho tenuto fuori Angeliño e sembra quasi che io abbia ammazzato il re", ha detto il futuro tecnico del Bayern. Segnale che il rapporto con il suo ormai ex calciatore è comunque arrivato agli sgoccioli, dopo che nel corso della stagione già i due si erano lanciati frecciatine. E dire che lo scorso anno Angeliño aveva spiegato che Nagelsmann lo capiva, mica come Guardiola...

 (Photo by Martin Rose/Getty Images)

ROTTURA - Poi però qualcosa si è rotto, con un paio di episodi che mostrano quanto tra i due fosse ormai guerra. Prima a febbraio uno scambio social tra il club e il calciatore in occasione di un'altra mancata convocazione. Il Lipsia spiega che Angeliño non ci sarà per un leggero infortunio, ma lo spagnolo smentisce direttamente attraverso Twitter, spiegando di stare benissimo. Non esattamente un comportamento che a Nagelsmann è piaciuto. E infatti il terzino ha cominciato a giocare di meno, il che porta allo scontro successivo: nel match di aprile contro l'Hoffenheim il tecnico lo sostituisce a fine primo tempo e poi lo rimprovera nel post-partita. "Non troverà sempre tecnici come me", aveva tuonato il mini Mourinho di Landsberg am Lech. E ora certamente i due non si lasceranno in ottimi rapporti...