Muriel svela un segreto: “Gasperini sul terzo gol mi ha detto “non tirare” ma io ci ho provato lo stesso”

Cafeteros troppo bollenti per l’Udinese. Muriel e Zapata la puniscono ma c’è un segreto…

di Redazione Il Posticipo

Cafeteros troppo bollenti per l’Udinese. La Dea si poggia sui doppi ex. Sulle spalle di Zapata e il talento di Muriel. Al termine della partita Muriel ha parlato ai microfoni di Sky Sport raccontando cosa è successo prima del secondo gol, personale, il terzo della squadra, nato da una splendida conclusione dalla distanza. Le sue parole sono stare riportate da Sky Sport 24.

DISOBBEDIENTE – Un gol straordinario, ma figlio, come spesso capita a Muriel, della volontà di seguire istinto e talento piuttosto che le disposizioni di Gasperini. Il colombiano è croce e delizia del suo tecnico. Prima perde un pallone sanguinoso che quasi causa il 2-2 poi calcia in porta il pallone del 3-1 senza… che gli fosse richiesto. Ecco cosa è accaduto. “Quando mi è arrivato il pallone Gasperini mi ha subito detto di non tirare. Mi ha detto “non calciare”. Niente di nuovo. Gasp predilige altri metodi. “Lui dice spesso di non tentare la conclusione dalla distanza, perché non sono tanti i gol che si segnano da fuori area. Preferisce portare il pallone in area per tentare conclusioni più facili. Mi rimprovera spesso anche quando ci provo in allenamento, ma ogni tanto ci sta”. E tutto sommato ha fatto bene a… disobbedire al tecnico. E comunque non è il solo.  “Certo se i risultati sono questi tutto sommato non ho fatto male a tirare. Comunque il mister bastona sempre anche Malinovski in allenamento, pero è andata bene anche a lui…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy