Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Mourinho: “Sono il tecnico di cui si scrive di più al mondo. Ora aspetterò il club più giusto per me…”

Josè Mourinho, Special One non per caso. Il portoghese si gode gli accordi con diverse testate e non è intenzionato a tornare, almeno al momento...

Redazione Il Posticipo

Josè Mourinho, Special One non per caso. Uno che fa sempre notizia e che, persino nel giorno dell'annuncio della Superlega, per qualche ora ha monopolizzato l'attenzione con il suo licenziamento. Ora il portoghese si gode gli accordi con diverse testate e non è intenzionato a tornare, almeno al momento. Lo spiega al Times, sottolineando come, nonostante tutto, sia sempre sotto i riflettori...

SPECIAL - “La gente crede che non sono umile, ma sono uno che vende molto. Sono l'allenatore di cui si scrive di più al mondo, mi si guarda con occhi diversi". E adesso, è il momento di guardarsi attorno, ma senza mettersi fretta. "Sto facendo una vita normale, mi sento fresco e tranquillo, aspetterò prima di tornare, forse la prossima stagione puiò essere troppo presto. E devo aspettare non solo il club più giusto, ma anche di trovare la cultura ideale". Anche perchè ora ci sono altri impegni... "Ora mi diverto a fare l'opinionista perchè posso fare la differenza. Io non voglio fare audience, non è il mio lavoro, mentre altri devono andare in una direzione particolare o esagerare ed essere aggressivi per farsi un nome. Io vado lì con due prospettive: la prima è per me stesso, visto che non sto lavorando, posso conoscere gente nuova. La seconda è per fare un servizio al calcio, dico quello che vedo senza avere secondi fini".

 MADRID, SPAIN - MAY 22: Head coach Jose Mourinho (R) of Inter Milan celebrates his team's victory at the end of the UEFA Champions League Final match between FC Bayern Muenchen and Inter Milan at the Estadio Santiago Bernabeu on May 22, 2010 in Madrid, Spain. (Photo by Jasper Juinen/Getty Images)

AMICI - Tra le cose che vedrà con attenzione, di certo c'è Chelsea-Real. E quando si affrontano...due ex, per chi tifa Mou?  “Ho un grandissimo rispetto per le squadre in cui ho lavorato. Se gioca uno dei miei vecchi club normalmente tifo per loro, perchè ho ancora un rapporto con chi ci lavora e con i tifosi. Se il Real Madrid gioca contro una squadra che non mi dice nulla, chi spero che vinca? Il Real. Ma se il Real gioca con il Chelsea, come nelle semifinali di Champions? Allora tifo per gli amici. C'è la stessa gente di quando c'ero io? Lo stesso presidente? Lo stesso proprietario? Ho questa maniera professionale di vedere le cose e mi fa sentire a mio agio". Come sempre, un modo di pensare...davvero Special.