Mourinho racconta il “suo” Salah: “Solitario, ingenuo, totalmente fuori contesto e fisicamente fragile”

Mourinho racconta il “suo” Salah: “Solitario, ingenuo, totalmente fuori contesto e fisicamente fragile”

Nel corso degli anni, lo Special One ha sempre smentito di essere lui il motivo per cui Momo Salah ha lasciato il Chelsea. Eppure, per la prima volta dal 2015, arriva una…ammissione di colpevolezza. O almeno…qualcosa che ci somiglia!

di Redazione Il Posticipo

Parla Josè Mourinho e, qualsiasi sia l’argomento, l’interesse c’è. Figurarsi poi se il portoghese racconta una delle scelte più controverse della sua carriera. Nel corso degli anni, lo Special One ha sempre smentito di essere lui il motivo per cui Momo Salah ha lasciato il Chelsea. Eppure, per la prima volta dal 2015, quando l’egiziano è andato prima in prestito alla Fiorentina e poi è stato ceduto alla Roma, arriva una…ammissione di colpevolezza. Non totale, perchè se il Pallone d’Oro africano delle ultime due stagioni ha fallito a Stamford Bridge, la colpa…è solamente dello stesso Salah!

FRAGILE – O meglio, del suo carattere. Schivo, forse un po’ troppo tranquillo per chi, come il portoghese, preferisce uomini con il fuoco dentro. Un atteggiamento, quello dell’egiziano, che ha lasciato il segno in Mou, che su BeIN Sports ricorda come l’ha inquadrato quando nel 2014 lo ha conosciuto per la prima volta. “È arrivato al Chelsea dal Basilea. Un ragazzo solitario, ingenuo, totalmente fuori contesto e fisicamente fragile”. Non certo complimenti per Salah, ma almeno una spiegazione alla mancata affermazione immediata in Premier dell’attaccante del Liverpool. E, anche e soprattutto, alle continue esclusioni da parte di Mou, che lo hanno portato a cercare una via di fuga in Italia.

PIÙ FORTE – “Poi se ne è andato in Italia e ha avuto buone esperienze alla Fiorentina e alla Roma e quando è tornato in Inghilterra si è adattato completamente all’alto livello del calcio europeo. Ha una maggiore comprensione del gioco e fisicamente è molto più forte. Si vede dal suo corpo, dalla situazione del suo fisico. È molto più robusto di prima ed è anche molto più sicuro”. Insomma, un bel giro di parole per dire che l’errore di valutazione di Mourinho…non è stato un errore. Se il portoghese avesse avuto a disposizione questo Salah, forse non lo avrebbe ceduto. Ma con lo Special One, mai dire mai.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy