Mourinho parla di Sanchez: “Mi sembrava un uomo triste, infelice. Forse non sono stato capace di…”

Mourinho parla di Sanchez: “Mi sembrava un uomo triste, infelice. Forse non sono stato capace di…”

In attesa di trovare una nuova panchina, Josè Mourinho parla spesso e volentieri in tv e sui giornali. Tornando sul suo periodo allo United, impossibile non pensare ad Alexis Sanchez. E il portoghese ha qualche rimpianto al riguardo, come spiega bene.

di Redazione Il Posticipo

In attesa di trovare una nuova panchina, Josè Mourinho parla spesso e volentieri in tv e sui giornali. Il Telegraph gli dedica una lunga intervista esclusiva e lo Special One parla un po’ di tutto. E tornando sul suo periodo allo United, impossibile non pensare ad Alexis Sanchez. Il cileno è arrivato a Old Trafford dopo stagioni pazzesche all’Arsenal, ma le cose non hanno funzionato. Difficile capire di chi fosse la colpa, ma il portoghese ha qualche rimpianto al riguardo, come spiega bene.

TRISTE – “Sanchez… Mi sembrava una persona infelice. E credo che in qualsiasi lavoro se non sei felice non è semplice rendere al massimo. Ma forse sono io che mi sbaglio. Forse sono io che non sono stato capace di entrargli in testa e di tirare fuori il meglio possibile da lui. Quando sei un allenatore a volte hai la capacità di tirare fuori il meglio dai calciatori, altre volte quel tipo di approccio non ti riesce a pieno. Ma la realtà è che ho sempre sentito che Sanchez fosse ‘un uomo triste’. Quindi probabilmente in Italia questo cambierà, spero che sia così. Spero sempre il meglio, per ogni calciatore”. E lo sperano di certo i tifosi dell’Inter, che dall’ex United si attendono molto.

RITORNO – Per quello che riguarda un ritorno sulla scena, Mou…sa che deve aspettare. “Quando è maggio pensi: ‘giugno vacanze, luglio preparazione, agosto inizia il campionato e a settembre difficile che qualcuno venga licenziato’. Quindi cominci a dire ‘oh mio Dio, mi tocca aspettare ottobre, novembre, dicembre’. Nei prossimi due o tre mesi possono succedere tante cose”. E chissà che lo Special One per quel periodo non sia già su una panchina.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy