Mourinho ha già tutto pronto per il ritorno al Real: non è questione di “se” ma di…”quando”

Mourinho ha già tutto pronto per il ritorno al Real: non è questione di “se” ma di…”quando”

Non tanto “se”, ma “quando”. Una parola che fa tutta la differenza del mondo. Così come potrebbe farla Josè Mourinho, ancora alla ricerca di una panchina dopo l’ultima esperienza con il Manchester United. Lo Special One aspetta, perchè culla un sogno: tornare alla Casa Blanca.

di Redazione Il Posticipo

Non tanto “se”, ma “quando”. Una parola che fa tutta la differenza del mondo. Così come potrebbe farla Josè Mourinho, ancora alla ricerca di una panchina dopo l’ultima esperienza con il Manchester United. Lo Special One aspetta, perchè culla un sogno: tornare alla Casa Blanca. “Quando vai via dal Real resti madridista”, ha spiegato qualche tempo fa il portoghese. E secondo AS, tutti i rifiuti recenti, a partire da quello al Lione, hanno una sola ragione: Mou attende la chiamata di Florentino Perez. Il quale non ha mai nascosto la volontà di riportarlo al Bernabeu, anche se lo scorso anno dopo Lopetegui e Solari ha optato di nuovo per la cura Zidane.

COLLOQUI – Nel frattempo, Mou guarda al passato per un futuro migliore. Il quotidiano spagnolo riporta che lo Special One ha avuto parecchi colloqui e ha “parlato con allenatori, preparatori fisici e vecchi compagni di lavoro per capire dove ha sbagliato e cosa deve fare per continuare a rimanere ad altissimo livello”. Un’ammissione di colpa che forse non ci si aspetta dal portoghese, ma che la dice lunga sulla volontà di rimettersi in gioco. Anche perchè, spiegano dalla Spagna, il lavoro di analista e commentatore in TV è più complicato di quanto lo stesso Mou pensasse. E nonostante i giudizi sul Mourinho opinionista siano positivi, meglio…quando fa l’allenatore.

DIRIGENZA – Dunque, non tanto “se” tornerà al Real, ma piuttosto “quando”. Questo è quello che filtra da ambienti vicini al portoghese, mentre ufficialmente non si muove nulla o quasi. Il Real smentisce qualsiasi interesse per il ritorno di Mou, ma è anche normale vista la situazione già non troppo rosea di Zidane. Eppure, spiega AS, qualcuno nella dirigenza ammette che c’è la volontà di riportare lo Special One al Bernabeu. Lui, in ogni caso, si sta preparando, conscio che in caso di esonero di Zidane sarebbe la prima scelta di Perez. E, come ha spiegato il suo amico Aulas, presidente del Lione, “Mou sa già dove allenerà”. Dunque solo…questione di tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy