Mourinho furioso: “Dele? Le cattive prestazioni influenzano la squadra. Da adesso le mie scelte saranno più facili”

Mourinho rivoluziona il Tottenham che perde ad Anversa. E lo Special One non le manda a dire…

di Redazione Il Posticipo

Mourinho cambia, il Tottenham perde. Gli spurs scendono in campo rivoluzionati rispetto agli undici che hanno giocato l’ultima giornata in Premier, ma il turnover non paga. Vince l’Anversa. E Mourinho si arrabbia. E, in conferenza stampa, come riportato da Football London, non le manda a dire.

FIDUCIA – Più di qualcuno ha tradito e forse perso la fiducia dello special One. “Avrei voluto cambiarne undici. Non ne ho sostituiti  cinque perché avevo paura di giocare una partita intera senza cambi. Dopo l’intervallo ho cercato di migliorare la situazione e nel secondo tempo la squadra è un po’ cresciuta, ma non è stato abbastanza.  Alla fine l’Anversa ha ottenuto ciò che si meritava. E anche noi. La squadra migliore ha vinto e la peggiore è uscita sconfitta dal campo”.

SCELTE – Una sconfitta che sa di spartiacque per molti uomini. Mourinho è rimasto deluso da chi è sceso in campo per mostrare di meritarsi una maglia da titolare. “Mi sembra evidente quale sia il migliore undici da mettere in campo dopo questa partita, ma mi è sempre piaciuto pensare che tutti i giocatori meritino un opportunità. Chi ha giocato oggi doveva cogliere a due mani la possibilità concessa per poter chiedere più considerazione, invece dopo questa sera tutte le mie scelte per il futuro saranno molto più facili”.

DELE ALLI – Ogni riferimento a Dele Alli non sembra casuale. Mourinho va giù pesante. “Non voglio analizzare i calciatori  individualmente. È giusto dire che che chi offre cattive prestazioni influenza negativamente la squadra, ma non è il momento di parlare dei singoli e spiattellare i nomi sul tavolo. Ho analizzato la sfida e ho tratto le conclusioni. Ci siamo trovati in una situazione in cui abbiamo lasciato vincere l’Anversa”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy