Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Mourinho: “C’era Maradona e c’era Diego. E mi è stato sempre vicino”

LONDON, ENGLAND - SEPTEMBER 13: Jose Mourinho, Manager of Tottenham Hotspur walks off after the Premier League match between Tottenham Hotspur and Everton at Tottenham Hotspur Stadium on September 13, 2020 in London, England. (Photo by Adam Davy - Pool/Getty Images)

Le parole dello special One, rotte dall'emozione e cariche di sentimento

Redazione Il Posticipo

Mourinho ha ricordato Maradona prima della sfida contro il Ludogorets. Le parole dello special One, rotte dall'emozione e cariche di sentimento, sono riportate da BT Sports e svelano un lato assolutamente inedito sia di Diego che del tecnico portoghese, uniti da una sincera amicizia cementata attraverso diverse telefonate.

UOMO - Mourinho sottolinea l'unicità del rapporto con il Diego, prima ancora che con Maradona. "C'era Diego e c'era Maradona. Non c'è molto da aggiungere sulle sue qualità di calciatore. Il calciatore lo conosciamo tutti, ha incantato il mondo con le sue bellissime giocate. Nessuno lo dimenticherà mai, però l'uomo Diego era diverso. Chi gli è stato vicino, chi ha condiviso lo spogliatoio con lui, i suoi amici sono stati dei privilegiati. Potremo ammirare le sue giocate per sempre, sono sempre lì a disposizione a di tutti,  però Diego ora non c'è più. E mi mancherà tantissimo".

TELEFONATE - Lo Special One ha poi aggiunto alcuni particolari del loro rapporto. Specialmente alcune telefonate. Mai casuali, sempre al momento giusto. Diego sapeva quando chiamare e come rendere felice Mou: "Diego era un grande amico e aveva un grandissimo cuore e tanta sensibilità specialmente nei momenti complicati e quando avevo il morale sotto terra. Mi mancherà tantissimo e mi mancheranno soprattutto le sue telefonate. Mi chiamava sempre dopo le sconfitte, mai dopo le vittorie. E questo perché è nei momenti difficili che conta esserci e lui si faceva sempre trovare. Ricordo che mi diceva sempre una cosa che non dimenticherò mai perché per me era fondamentale "Mou, non dimenticarti che sei il migliore". Mi mancherà davvero tantissimo".