Mourinho a tutto campo, tra frecciate e mercato: “Fischi ad Eriksen? Forse erano rivolti all’arbitro…”

Mourinho a tutto campo, tra frecciate e mercato: “Fischi ad Eriksen? Forse erano rivolti all’arbitro…”

Il manager del Tottenham ha commentato la sconfitta incassata dai suoi uomini contro il Liverpool. Lo Special One non si è nascosto di fronte alle difficoltà della sua squadra, ha applaudito il ragazzino Japhet Tanganga e ha fatto muro di fronte alle domande di mercato…

di Redazione Il Posticipo

Troppo Liverpool per il Tottenham: gli Spurs privi dell’infortunato Harry Kane sono stati sconfitti dalla capolista, entrata ufficialmente nella storia dei top-5 campionati. Un’altra giornata ‘no’ per gli Spurs che si allontanano dal quarto posto dove c’è il Chelsea con 9 punti di vantaggio. Nel post-partita José Mourinho ha risposto alle domande dei giornalisti senza nascondersi: il suo Tottenham non ha mai vinto nelle ultime 3 giornate di Premier (un pari e 2 sconfitte). Lo Special One ha commentato a modo suo anche i fischi a Christian Eriksen sempre più vicino all’Inter.

AMAREZZA – Il Tottenham ha perso nonostante abbia giocato una partita generosa. Mou non ha nascosto la sua amarezza, come riporta Football London: “Meritavamo qualcosa in più. Abbiamo giocato contro la squadra migliore del mondo nel suo momento migliore. Abbiamo qualche difficoltà, nonostante questo meritavamo di più”. Lo Special One è stato polemico con l’arbitro: “C’era una rimessa in gioco per noi, ma non ci è stata data. Mané aveva toccato il pallone per ultimo. Sull’azione successiva è arrivato il gol del Liverpool. Io però sono l’allenatore dei giocatori, non alleno gli arbitri”.

PROBLEMI – Mourinho non si nasconde di fronte ai problemi della sua squadra: “Abbiamo grosse difficoltà, è difficile trovare la formula giusta per competere contro un avversario così forte. Sono contento per il lavoro fatto in settimana e per quello che i ragazzi hanno fatto in partita”. Il portoghese ha lanciato Japhet Tanganga dal primo minuto con lo scomodo compito di marcare Mohamed Salah e Sadio Mané e ha apprezzato la prova del ragazzino: “Penso che debba essere contento della sua prima gara in Premier. Credo che sia un bel messaggio per l’Academy”.

ERIKSEN – L’attacco del Tottenham è parso spuntato senza l’infortunato Harry Kane, nonostante questo Mou vuole guardare avanti: “Spero che l’intervento sia andato bene e che gli bastino i prossimi 3 mesi per riprendersi. È un giocatore insostituibile. I ragazzi che hanno giocato al suo posto però hanno dato tutto”. Lo Special One potrebbe perdere anche il centrocampista Eriksen sempre più vicino all’Inter, ma non ha voluto parlare di mercato: “Voglio rispettare i giocatori che ci sono. Possiamo dire che Tanganga è un nuovo acquisto? Possiamo dirlo? Non ha mai giocato una gara per il Tottenham in Premier e ha dimostrato di saperlo fare”. Il portoghese ha fatto muro quando gli è stato chiesto un commento sui fischi ad Eriksen: “Forse non erano per Eriksen, ma per l’arbitro che ha dato 3 minuti di recupero”. Il tempo e le stagioni passano, ma Mourinho non cambia mai e ha sempre la risposta pronta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy