Mou gioca a fare… l’allenatore, sul suo computer ha installato Football Manager: “Chissà se litiga con se stesso in conferenza stampa…”

Mou gioca a fare… l’allenatore, sul suo computer ha installato Football Manager: “Chissà se litiga con se stesso in conferenza stampa…”

Lo Special One, nel tempo libero, gioca a fare… l’allenatore. Dal documentario di Amazon sul suo Tottenham si nota che sul computer il portoghese ha installato Football Manager. E qualcuno si chiede se, quando nel gioco non è Josè Mourinho, gli sia mai capitato…di polemizzare con se stesso.

di Redazione Il Posticipo

Ama il tuo lavoro e non lavorerai un giorno in vita tua, diceva Confucio. Sono tuttavia poche le persone che hanno la fortuna di riuscire a trovare un lavoro nell’ambito professionale che amano. E anche se a volte magari non si direbbe, lo Special One è capace di prendere le cose… con filosofia. Il grande pubblico, infatti è stato messo a conoscenz di un suo passatempo. Per divertirsi, il portoghese gioca a fare… l’allenatore. Dal documentario di Amazon sul suo Tottenham si nota che sul computer il portoghese ha installato Football Manager.

ALLENATORE-GIOCATORE – In genere, il concetto di allenatore-giocatore significa altro. Ma Mou è…sempre più Special. Il tecnico lusitano è il grande protagonista del documentario di Amazon Prime Video intitolato All or Nothing: Tottenham Hotspur, che dimostra quanto non sia facile fare l’allenatore. Tuttavia, se si ama il proprio lavoro, nel tempo libero non pesa dilettarsi in un passatempo che lo simula. Nella serie documentario, Mou è, come prevedibile, la vera star. Il cinquantasettenne viene ripreso durante la riunione tattica prima della sua prima uscita da allenatore degli Spurs e, come sottolinea Sportbible, sullo schermo del suo computer si vede benissimo il logo del celebre videogioco calcistico.

IL GIOCO – In effetti era prevedibile che Mou ne fosse appassionato. Football Manager regala all’utente un’esperienza di gioco molto vicina al vero funzionamento di una squadra di calcio, in particolar modo di quello inglese, dove l’allenatore non si limita a questioni di campo. Chissà se con il suo Tottenham virtuale sarà riuscito a costruire la rosa come la vuole lui e ad allontanare i giocatori come Ndombelé che nella realtà non sembrano stargli troppo simpatici. Tuttavia, Mourinho non è l’unico personaggio sportivo appassionato del videogioco e forse, come altri, lo userà anche come fonte d’ispirazione per lo scouting o per le tattiche. Sul web, ovviamente, i tifosi si sono scatenati. E c’è anche qualcuno che, ben sapendo che nel gioco si può…polemizzare con i colleghi, che si fa una domanda sensatissima: “Chissà se in conferenza stampa litigherà… con Mourinho”. Conoscendo il tipo, non è poi così improbabile.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy