Mou, che frecciata ai Blancos su Bale: “Quando avrò cinque minuti me ne andrò su internet a vedere cosa dicono i siti del Real…”

Voletegli bene e se lo ricorderà. Ma fategli un torto e non lo dimenticherà. Josè Mourinho, a distanza di dieci anni, non ha che parole d’affetto per l’Inter. A Madrid, invece, non è andata benissimo e ogni tanto lo Special One ci tiene a ricordarlo, come nel post-partita di Tottenham-Brighton…

di Redazione Il Posticipo

Voletegli bene e se lo ricorderà. Ma fategli un torto e non lo dimenticherà. Josè Mourinho è fatto così, mette nel suo lavoro ogni secondo del suo tempo e tutte le sue energie, fisiche e mentali. All’Inter ha fatto innamorare tutti e ancora oggi, a distanza di dieci anni, non ha che parole d’affetto per tutto il mondo nerazzurro. A Madrid, invece, non è andata benissimo e ogni tanto lo Special One ci tiene a ricordarlo. Stavolta per farlo utilizza il post-partita di Tottenham-Brighton. Gli Spurs vincono 2-1 anche grazie alla rete del figliol prodigo Gareth Bale. E il portoghese, come riporta Goal, non può fare a meno di lanciare una frecciata ai Blancos.

SITI – “Sono molto contento per Bale, specialmente perchè se lo merita. Quando avrò cinque minuti me ne andrò su internet a vedere cosa dicono al riguardo i siti sul Real Madrid. Lui sa che noi lo abbiamo a cuore e noi sappiamo che lui ha a cuore noi, la squadra e tutto il Tottenham. È quello che ci serviva. È calmo, intelligente, capisce bene le partite. L’ho già detto una settimana fa che stava migliorando. Lo vedevo non solo in allenamento, ma anche dai dati raccolti. Lo sapevamo. E la cosa buona è che lo sapeva anche Gareth. Condividiamo idee e sentimenti”. Non come a Madrid, insomma, dove il gallese era ormai un corpo estraneo.

PAZIENZA – Questo però non significa che Bale sia tornato ai livelli di un tempo. Per rivedere quel calciatore ci vuole pazienza e Mourinho se lo coccola, utilizzandolo con cura per evitare che i solitamente fragili muscoli del suo giocatore facciano brutti scherzi. “Non ha ancora nelle gambe i 90 minuti di una partita di Premier League, quindi stiamo usando l’Europa League per portare a termine il processo di ritorno in forma. E poi lo schieriamo in alcune partite di Premier ed è normale che le cose per lui migliorino giorno dopo giorno. E io starò sempre molto attento con lui, finchè non capiremo che è davvero pronto”. E nel frattempo…visita i siti del Real!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy