Morata è un caso: Sarri è già pronto a disfarsene

Alvaro Morata ha le polveri bagnate: segna poco e il Chelsea di Sarri ha bisogno di una punta che segni, visto che anche Giroud non è molto d’aiuto. Chissà che Hazard non faccia…la fine di Mertens. Ma Morata che fine farà?

di Redazione Il Posticipo

In estate c’è una sola cosa che va di moda: lo spagnolo. Nelle radio risuonano a ripetizione i tormentoni estivi ritmati e soprattutto le hit spagnole o sudamericane. Un’altra cosa che cattura l’attenzione d’estate è il calciomercato e anche qui lo spagnolo c’entra. Sia per le trattative dei club della Liga, sempre molto attivi, sia perché, anche qui in Italia c’è un nome che va sempre di moda: quello di Alvaro Morata. In estate l’ex Real e Juventus è stato accostato al Milan ma poi è rimasto a Londra.

BASTA MORATA – Ora però il campionato di Morata non sta rispettando le aspettative di Maurizio Sarri. Tre gol in undici presenze stagionali non possono essere sufficienti per un nome del genere e il Chelsea potrebbe dover correre ai ripari anche perché (almeno in quanto a gol fatti) neppure l’altro centravanti a disposizione di Sarri, il neolaureato campione del mondo Olivier Giroud, sta andando benissimo. La maledizione di Diego Costa? Forse. Le punte di diamante del Chelsea non brillano più. Probabilmente l’ex allenatore di Empoli e Napoli si sentirà deluso per l’andamento del centravanti spagnolo anche perché sembrava aver accolto con gioia il fatto che Morata non fosse partito. Ma gli standard di Madrid e Torino sembrano piuttosto lontani e secondo il Sun, Sarri starebbe addirittura pensando di inserire il venticinquenne nella lista trasferimenti già a gennaio.

TOTO-SOSTITUTO – Chissà se, come fatto con Mertens a Napoli, il tecnico toscano non provi a schierare Hazard come prima punta.  Il che, visti i numeri del belga, non sembra neanche un’ipotesi così campata in aria… Poi per il mercato resta abbastanza probabile che la società proponga all’allenatore l’acquisto di un attaccante di suo gradimento. Società e direzione tecnica, comunque, sembrano convergere sul fatto che un attaccante di primo livello sia uno dei maggiori punti deboli della squadra londinese di stanza a Stamford Bridge. Ora, però comincerà il toto-sostituto al Chelsea e le voci che accosteranno lo spagnolo a qualche altra squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy