Morata a cuore aperto: “La Juventus era la scelta migliore per me. I gol in fuorigioco? Persino Busquets mi ha detto che…”

Il centravanti spagnolo, che grazie alle ottime prestazioni con la maglia della Juventus ha ritrovato la nazionale, parla davvero di tutto, incluso il motivo del suo ritorno a Torino. Ma anche del rapporto speciale che lo lega all’Atletico Madrid e della sua volontà di lasciare il calcio vestendo una maglia…abbastanza inattesa.

di Redazione Il Posticipo

Morata, come si dice in Spagna, “se sincera”. Il centravanti spagnolo, che grazie alle ottime prestazioni con la maglia della Juventus ha ritrovato la nazionale, rilascia un’intervista alla trasmissione “El Partidazo de COPE”. E parla davvero di tutto, incluso il motivo del suo ritorno a Torino, ma anche del rapporto speciale che lo lega all’Atletico Madrid e della sua volontà di lasciare il calcio vestendo una maglia…abbastanza inattesa.

JUVENTUS – Al momento, però, quella che gli sta meglio è quella bianconera. Che l’ha aiutato a tornare se stesso. “Ognuno cerca le opzioni migliori e in quel momento per me era la Juventus. Era parecchio che non giocavo più di sei partite per più di settanta minuti”. Accanto a Cristiano, con cui ha già giocato a Madrid e con il quale si trova a meraviglia. “Ho avuto sempre un buon rapporto con lui”. Molti gol alla Juventus, ma potevano essere di più… “Contro il Barcellona ho fatto una gran partita, ma la gente ha visto solo i gol in fuorigioco, alcuni dei quali lo erano di pochissimo. Persino Busquets mi ha detto che pensava che il terzo fosse regolare”. E non si può non sognare in grande. “Una finale di Champions Juventus-Atletico? Magari, ma forse sarebbe meglio contro qualcun altro, perchè contro l’Atletico è complicato segnare”.

ATLETICO – Già, l’Atletico. La squadra del cuore. Morata non lo nega, anzi, si arrabbia quando qualcuno insinua che i rapporti con il club non sono buoni. “Non ho mai detto che stavo male all’Atletico, Simeone merita tutto il mio rispetto. Mia moglie non ce la fa più a vedere le partite dell’Atletico e festeggiare i gol, sono felice che le cose per loro vadano bene. Ognuno ha una squadra da quando è bambino è la mia è l’Atletico, voglio che sia chiaro quanto sono grato al club. Con il Cholo ho un ottimo rapporto e auguro a tutti il meglio. Non si sa mai se le nostre strade si rincontreranno e tornerò a vestire la maglia dell’Atletico. Ora sto molto bene e sono molto tranquillo, ma non si sa mai”. Non si sa mai, anche perchè c’è un’altra squadra che potrebbe un giorno schierare Morata. Uno dei club in cui è cresciuto, ma…non è il Real. “Mi piacerebbe ritirarmi con la maglia del Getafe. Ho un ottimo rapporto con il presidente e con la gente di quelle parti. È grazie a loro se sono il giocatore che sono”. Come al solito, lo spagnolo sa sempre sorprendere…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy