Montervino: “Gattuso può fare meglio di Sarri in soli sei mesi”

Montervino: “Gattuso può fare meglio di Sarri in soli sei mesi”

Uno dei centrocampisti simbolo della rinascita del Napoli dalla C alla A analizza la sfida di Coppa Italia che può regalare a Gattuso un trofeo che Sarri a Napoli non è mai riuscito a vincere.

di Redazione Il Posticipo

L’ex centrocampista Francesco Montervino, uno dei calciatori più amati a Napoli, è  intervenuto TMW Radio in vista della finale di Coppa Italia. Una sfida a suo avviso di grande importanza soprattutto per Gattuso.

FINALE  – Il trofeo assume una grande importanza per il Napoli ma anche per Sarri che non ha ancora mai vinto in Italia. “La sfida potrebbe cambiare una stagione per entrambe. Gattuso, in pochi mesi, potrebbe vincere più di Sarri e Ancelotti. Credo che Ancelotti comunque sia stata un’occasione persa per il Napoli, non ci si poteva aspettare quello che aveva fatto sempre, in società come Bayern o Real Madrid. Gattuso ti può dar meno di Ancelotti, ma compensa  incarnando la mentalità napoletana del sacrificio, della lotta e della grinta”.

SARRI – Il tecnico della Juventus è stato molto amato a Napoli.  “Capisco che se chiama la Juve accetti, ma forse allora era sbagliato come si poneva prima. E comunque sarà impossibile da rivedere altrove quello che ha fatto a Napoli dove c’erano le componenti giuste al posto giusto nel momento giusto. Quando alleni Hazard, Ronaldo, Dybala deve essere l’allenatore a doversi aggrappare a loro”

CARISMA – Montervino ammira Sarri ma non lo ritiene all’altezza dei big. “A Napoli era diventato un santone, si era creata un’alchimia difficile da riproporre da altre parti anche perché non ha l’appeal di un Klopp, Guardiola. Un calciatore avverte quando si è preparato ma anche quando ti manca il carisma tale da farsi seguire. Lui ama e vuole dei soldatini, togliendo all’individualità. Secondo me fra Jorginho e Pjaic non c’è paragone. E anche Bentancur è un giocatore più importante del centrocampista del Chelsea che è un centrocampista dal gioco piatto, lineare e sa farsi trovare sempre al posto giusto ma non ha un livello diverso rispetto ai due della Juve”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy