calcio

Mondiali, in Russia ci va anche…la Corea del Nord

Il vicepresidente del parlamento Russo Ivan Melnikov ha annunciato che per la partita tra Russia e Arabia Saudita ci sarà anche il presidente del parlamento nordcoreano Kim Yong-nam. Anche se la sua squadra...non si è qualificata!

Redazione Il Posticipo

E alla fine...arriva Kim. No, non quel Kim, un altro. Ma il senso è quello. La TASS riporta che il vicepresidente del parlamento Russo Ivan Melnikov ha annunciato che per la partita tra Russia e Arabia Saudita, che aprirà ufficialmente la Coppa del Mondo, ci sarà anche il presidente del parlamento nordcoreano Kim Yong-nam. Un'occasione, ha chiosato il padrone di casa, per continuare a negoziare. Mosca come Pyeongchang dunque, di nuovo lo sport al servizio delle relazioni internazionali. E l'occasione è effettivamente ghiotta, perchè se i colloqui dovessero prolungarsi c'è anche la possibilità di incrociare la delegazione della Corea del Sud, che farà il suo esordio lunedì 18 contro la Svezia.

NEL 2010 BENE MA... - Certo, la squadra di Kim non potrà competere contro le altre, dato che ha fallito la qualificazione al torneo, arrivando seconda nel suo girone e non passando al turno successivo del percorso delle qualificazione asiatiche. E l'ultima apparizione della Corea del Nord ad un mondiale risale a...prima dell'era Kim Jong-Un, dato che parliamo del 2010, quando il padre di Kim, il presidente eterno Kim Jong-il, era ancora vivo e vegeto. Non che quella coppa del mondo per la Corea del Nord sia stata così memorabile: tre partite, altrettante sconfitte, anche se con la soddisfazione di segnare l'unico gol del torneo al Brasile, con la firma di  Ji Yun-Nam.

MONDIALI COREANI - Poi è arrivata la successione presidenziale e due mancate qualificazioni. Che certamente non avranno fatto piacere al nuovo Leader Supremo, soprattutto perchè nella storia della Corea del Nord, Kim Jong-Un è attualmente l'unico capo di stato a non aver ancora centrato il Mondiale. Quello giocato sotto suo nonno gli italiani se lo ricordano bene, dato che nel 1966 la nostra nazionale riuscì nell'impresa di perdere 1-0 contro i coreani, poi battuti nella fase a eliminazione diretta dal Portogallo di Eusebio, nonostante un'ottima prova. Ma alla fine la delegazione nordcoreana in Russia ci andrà, anche senza la squadra. Si parlerà...di missili, ma probabilmente anche di calcio. Altrimenti, che gusto c'è a presentarsi al Mondiale?