calcio

Come il Belgio…e anche meglio! Le grandi rimonte mondiali

Mattia Deidda

1966, quarti di finale della coppa del mondo. La Corea del Nord, dopo aver eliminato l'Italia nel girone, si appresta a giocare contro il Portogallo con la consapevolezza di poter scrivere la storia. Detto fatto: dopo 25 minuti, i lusitani si ritrovano sotto nel punteggio per 3-0. Una doccia fredda per il Portogallo, che però, in quegli anni, aveva in campo uno dei più grandi calciatori della storia. Eusebio non ci sta, e dopo aver accorciato il risultato al termine del primo tempo con una doppietta (3-2), rientra in campo dagli spogliatoi trascinando la squadra alla vittoria con altri due gol. La rete di José Agusto (5-3) cala il sipario su una delle rimonte più memorabili della storia. 

Potresti esserti perso