Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Modric e Ramos, braccio di ferro con la Casa Blanca. E Zidane…

Non è un momento facile al Real. Al netto dei risultati, ci sono due... veterani da gestire.

Redazione Il Posticipo

Il Real Madrid ha vinto a San Siro contro l'Inter ma non è bastato a rasserenare l'ambiente. Alla Casa Blanca l'aria, come riporta Marca, è sempre molto tesa. A generare tensione, la gestione dei veterani che hanno dato tantissimo alla causa madrilena. Al Real però, tutti sono utili, nessuno è indispensabile o considerato più importante del club. E così sia Sergio Ramos che Modric, due totem dell'era Zidane,rischiano di lasciare la capitale spagnola, nonostante il sostegno di Zidane.

RAMOS - La vicenda di Ramos è nota. Il contratto scade il 30 giugno 2021. L'entourage del difensore centrale si sta occupando del rinnovo e sebbene si dica che  si sia trovato l'accordo  la realtà è diversa. A poco più di un mese  dalla possibilità di  negoziare con un altro club, non c'è ancora la firma su un nuovo contratto. Zidane non ne parla, ma se dipendesse dall'allenatore, avrebbe già rinnovato. La sensazione è che sarà un periodo caratterizzato da diversi tiri alla fune ma a Madrid nessuno contempla la partenza del capitano.

MODRIC - Altro caso spinoso, quello di Modric. Il croato è stato chiaro. Vuole restare al Real Madrid e chiudere la sua carriera alla Casa Blanca. Anche in questo caso, la gestione non è semplice. Il centrocampista ha dato tantissimo al Real, ha vinto il Pallone d'Oro, ma resta comunque in scadenza di contratto. Il suo sogno potrebbe scontrarsi con la realtà di una società che non si è ancora mossa. Luka inizia a temere il peggio. Anche in questo caso, però, Zidane sarebbe favorevole alla permanenza.