Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Modric, dieci anni di Real: “Tanti momenti indimenticabili. La finale di Cardiff la partita più divertente”

(Photo by Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

Il centrocampista ha rinnovato il contratto che gli permetterà di celebrare un decennio in blancos.

Redazione Il Posticipo

Luka Modric e il Real Madrid, una storia lunga dieci anni.  Il rinnovo è ufficiale, ma era noto da tempo. Con il nuovo contratto. Il centrocampista ha espresso sensazioni ed emozioni sul canale tematico della Casa Blanca specificando quanto sia stato semplice giungere a un accordo. Chiudere al Real, del resto, è sempre stato il suo sogno sportivo e professionale.

VINCERE - Modric non ha segreti. Il suo univo obiettivo è vincere. E ha scelto di restare per questo motivo. "Arrivare a Madrid è stato un sogno. Non avrei mai mollato. Volevo avere successo, ed è stato molto emozionante ottenerlo. Ero molto nervoso prima del rinnovo. Al momento dell'incontro, il presidente mi ha detto che si doveva suggellare il decimo anno insieme.  Il rinnovo significa molto, mi riempie di orgoglio. Non me lo aspettavo perché sono arrivato a Madrid a 27 anni. E perché la richiesta in questo club è molto alta. Ci si deve meritare di continuare qui".

BILANCIO - Saranno dieci anni. Nove bastano comunque per tracciare un bilancio. "Ci sono tantissimi momenti indimenticabili. La Decima è stata molto bella, perché abbiamo centrato la doppietta. Il 2018 è stato spettacolare a libello individuale. La finale più divertente è stata quella di Cardiff, ma tutto quello che abbiamo fatto in questi anni è irripetibile. Il pallone d'Oro la ciliegina sulla torta.". Ci sono stati anche, ovviamente, momenti complicati. "L'anno in cui sono stato infortunato per quattro mesi, abbiamo ottenuto 22 vittorie di fila, non è stato facile rientrare. Mia moglie mi ha sostenuto è stata preziosa, come lo è da quando avevo 18 anni.  Devi avere qualcuno con te ogni giorno".

FUTURO - Al netto della carta d'identità, c'è ancora tempo e modo di pensare al futuro: "So che la carriera di un calciatore ha un arco temporale ridotto e richiede tanti sacrifici. E so che per allungarla occorre molta disciplina, ma mi concentro su quello che faccio e sul recupero, sul cibo e sul riposo. Ecco perché continuo a mantenere il livello di quest'anno. Del resto il Real Madrid è  club che ti obbliga essere al massimo. Finché continuo a essere n giocatore del Real, lo farò".