MLS, Nani si becca il rosso con il VAR…e scoppia a piangere disperato

La sua carriera non è stata luminosa come ci si poteva aspettare, ma in MLS Nani è una stella, la più luminosa dell’Orlando City. Peccato che, nell’ultima partita disputata dalla franchigia della Florida, il portoghese sia stato protagonista, ma in negativo

di Redazione Il Posticipo

La sua carriera prometteva faville, ma alla fine è stata più “normale” di quanto si potesse immaginare. Luís Carlos Almeida da Cunha, meglio noto come Nani, sembrava destinato ad essere l’erede di Cristiano Ronaldo. E il suo trasferimento a Old Trafford, mentre al Manchester United c’era ancora l’asso portoghese, pareva confermare questa investitura. Ma se il fenomeno di Funchal è ancora una delle stelle del calcio mondiale e a 35 anni compiuti fa la differenza in Serie A e in Champions League, non si può certo dire lo stesso del suo connazionale, che a 34 primavere è già da un po’ finito a calcare i campi nordamericani della MLS.

ROSSO… – Certo, il palmares parla di quattro Premier League e una Champions con lo United e un campionato d’Europa con il Portogallo, ma mai davvero da protagonista. Nel campionato nordamericano, invece, Nani è una stella, la più luminosa dell’Orlando City. Peccato che, nell’ultima partita disputata dalla franchigia della Florida, il portoghese sia stato protagonista, ma in negativo. Come spiega Goal, nella partita contro il Columbus Crew, l’ex laziale è stato espulso con l’ausilio del VAR mentre il match era sul 2-0 per i suoi compagni di squadra. Alla fine, il rosso rimediato dal lusitano non è neanche stato così importante, considerando che la partita è finita 2-1.

…E LACRIME – Ma questo non ha impedito a Nani…di scoppiare a piangere. Evidentemente l’espulsione, arrivata per un intervento in ritardo nel tentativo di riconquistare il pallone, lo ha colpito al punto da farlo finire in lacrime. Una scena che non si vede certo tutti i giorni e che è finita sotto i riflettori da parte di chi si occupa di MLS. Possibile che però il pensiero di Nani sia finito…al futuro. Del resto, l’Orlando City è già qualificato da un po’ per i playoff del campionato, ma una squalifica lunga potrebbe impedire al portoghese di giocare alcune delle importantissime partite ad eliminazione diretta che porteranno alla vittoria del torneo. Abbastanza per piangere a dirotto? Evidentemente…sì.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy