Mistero Pogba: annunciano il suo addio alla nazionale dopo le parole di Macron sull’Islam, ma…

Secondo 195sports.com, il centrocampista transalpino avrebbe espresso la sua intenzione di abbandonare i Bleus in seguito alle dichiarazioni di Macron sul terrorismo islamico. Da parte della federazione francese e del giocatore, però, tutto tace…

di Redazione Il Posticipo

Calcio, religione e geopolitica. Due concetti che con il pallone dovrebbero avere ben poco a che fare, ma che evidentemente fanno capolino abbastanza spesso nella vita pubblica e privata dei giocatori. Basterebbe pensare all’impegno di Mkhitaryan, che sta fungendo da cassa di risonanza mondiale per il conflitto in Nagorno-Karabakh, o alle polemiche per il saluto militare dei calciatori della Turchia in onore del presidente Erdogan. Ora però una serie di tensioni internazionali, che sono di natura politica e religiosa e che hanno causato uno scontro aperto tra lo stesso Erdogan e la Francia, potrebbero portare a un risultato che sarebbe davvero clamoroso: l’addio di Pogba alla nazionale.

FRANCIA – I giornali inglesi riportano le indiscrezioni lanciate da parecchie testate mediorientali, in particolare da 195sports.com, secondo cui il centrocampista transalpino avrebbe espresso la sua intenzione di abbandonare i Bleus. Certo, verrebbe da pensare, dopo aver vinto un mondiale l’ex juventino potrebbe non avere più nulla da chiedere al calcio internazionale. Ma la questione sarebbe un’altra, cioè le ultime dichiarazioni del presidente Macron. In seguito all’uccisione di un professore che aveva mostrato le ormai tristemente celebri vignette di Charlie Hebdo, l’inquilino dell’Eliseo ha lanciato un attacco contro il fondamentalismo islamico e ha assegnato la Legion d’Onore all’insegnante. Un qualcosa che avrebbe scatenato la decisione del centrocampista di non rappresentare più il suo paese.

ISLAM – Del resto, Pogba ha parlato della sua conversione al Times nel 2019, spiegando di aver trovato nella religione un nuovo modo di vivere. “Mi ha cambiato, mi ha fatto capire molte cose della vita. E credo che forse mi abbia aiutato a trovare una pace inferiore. È stato un buon cambiamento nella mia vita, perchè non sono nato musulmano, anche se mia madre lo è. Sono cresciuto avendo rispetto per tutti e per tutte le religioni. Ma l’Islam non è quello che pensano tutti, non è il terrorismo. Quello che si sente nei media è qualcosa di diverso, l’Islam è un qualcosa di bellissimo quando impari a conoscerlo”. Ma ora potrebbe essere il motivo del suo addio alla Francia, anche se non è ancora arrivato alcun commento da parte della federazione francese o del calciatore stesso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy