Millwall-Bolton, l’assurda storia di Steve Perry: da tifoso a guardalinee, con tanto di esultanza

Da tifoso ad assistente dell’arbitro, il passo è breve. La gara tra Millwall e Bolton lascia in eredità una storia incredibile: protagonista Steve Perry, entrato nello stadio come tifoso, uscito come guardalinee.

di Redazione Il Posticipo

Da tifoso ad assistente dell’arbitro, il passo è breve. La storia raccontata dalla gara di Championship tra Millwall e Bolton ha dell’incredibile. Nulla a che vedere con giocate sensazionali o gol all’ultimo minuto. Protagonisti, in questa storia, gli arbitri, ed una serie di infortuni che hanno portato Steve Parry, fischietto con un amore incredibile per il Millwall, che era allo stadio come tifoso, a diventare il guardalinee dell’incontro della sua squadra del cuore.

INFORTUNI – Che non sarebbe stata una giornata normale, lo si capisce da subito, quando Tony Harrington, l’arbitro designato per dirigere l’incontro, non si presenta perchè malato. Al suo posto, il quarto uomo Lee Swabey, che prende in eredità il fischietto e lascia il suo posto vicino alle panchine a Steve Perry, il protagonista di giornata, chiamato in causa dagli spalti in una situazione di emergenza. A metà del primo tempo, l’evento che scatena tutto: il sostituto dell’arbitro si infortuna, tornando quindi alla sua funzione iniziale, ovvero quella del quarto uomo. Al suo posto un guardalinee, e al posto del guardalinee…Steve Perry.

CAOS – Perry, che abitualmente arbitra le partite della prima divisione del sud-est, non è stato in grado di nascondere a pieno il suo amore per il Millwall, esultando esplicitamente dopo un doppio intervento del proprio portiere. “Una situazione caotica”, racconta il tecnico del Bolton, riportato dal Sun: “Il primo arbitro si è fatto male durante il riscaldamento quindi un fan del Millwall è diventato il quarto uomo. Poi all’improvviso lo stesso tifoso è diventato il guardalinee. Dio solo sa cosa sarebbe successo con un altro infortunio. Quando ha esultato per la parata del portiere del Millwall noi abbiamo detto ‘ehi amico, dovresti essere imparziale’, ma poi si è comportato correttamente”. Una gara destinata ad entrare nella storia. O quanto meno la ricorderà Perry, che per una partita ha avuto l’onore di servire il suo amatissimo Millwall.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy