Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Milan – Benevento, sfida fra… crolli verticali

BENEVENTO, ITALY - JANUARY 03: Filippo Inzaghi, head coach of Benevento interacts with Stefano Pioli, manager of AC Milan ahead of the Serie A match between Benevento Calcio and AC Milan at Stadio Ciro Vigorito on January 03, 2021 in Benevento, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Il minimo comune denominatore che unisce entrambe le squadre è il crollo di punti nel girone di ritorno.

Redazione Il Posticipo

Milan - Benevento assume un significato di straordinaria importanza per entrambe le squadre. I sanniti non possono perdere, altrimenti rischiano di ritrovarsi, per la prima volta in questo campionato, isolati in zona retrocessione. Il Milan deve vincere per alimentare i sogni di Champions, che iniziano a scontrarsi con la dura realtà di un campionato che, alla lunga, ha presentato il conto alla squadra di Pioli. Minimo comune denominatore che unisce entrambe le squadre è il crollo nel girone di ritorno.

MILAN - Il Milan ha più del doppio dei punti totalizzati dal Benevento, ma è evidente che durante il percorso la squadra di Pioli abbia clamorosamente perso colpi durante le prime quattordici giornate di questo girone di ritorno. Ha chiuso con 43 punti il girone d'andata, fregiandosi anche del primato d'inverno, ma nella seconda parte di questo campionato è con la lingua a penzoloni: appena 23 punti conquistati frutto di sette vittorie, due pareggi e cinque sconfitte. Una rendimento irregolare mostrato anche dalla permeabilità difensiva della squadra, che ha incassato ben 19 reti a fronte delle 21 realizzate. In percentuale, i rossoneri hanno conquistato il 65%  dei punti nelle prime 19 giornate e sono solo sesti nella classifica del girone di ritorno.

BENEVENTO - Il Benevento nel girone di andata ha girato a 22 punti, chiudendo all'undicesimo posto e guadagnandosi l'appellativo di squadra rivelazione. Poi qualcosa si è rotto. Anche più di qualcosa considerando che Inzaghi ha vinto solo una volta in 19 giornate, addirittura in casa della Juventus, ma non è riuscito a ripetersi. Appena nove punti in quattordici partite. Una vittoria, sei pareggi e sette sconfitte. Quattordici i gol fatti, ben 30 quelli subiti e terzultimo posto nella classifica del girone di ritorno. Se si calcola la percentuale dei punti, il 71% del bottino del Benevento risale alle prime diciannove giornate.

PROIEZIONE - Numeri che non incoraggiano affatto, né gli uni, né gli altri, a sperare di raggiungere i rispettivi obiettivi: proiettando il ruolino di marcia nel girone di ritorno, i conti non tornano. Il Benevento, continuando di questo passo (0,64 punti di media nel girone di ritorno), rischia di non raggiungere neanche quota 37 dove si potrebbe assestare la quota salvezza. Difficile anche per il Milan (1,21 punti a partita in 14 giornate) restare ancorato ai primi quattro posti.