Gattuso perde l’uno contro uno con Gasp e ora rischia

Il Milan crolla con l’Atalanta e Gattuso rischia grosso. Il tecnico rossonero perde il confronto con Gasperini sotto tutti i punti di vista.

di Redazione Il Posticipo

La Dea manda il Diavolo all’inferno. Un disastro. Milan sempre più in crisi. Totale. Vigilia amarissima di Natale per una squadra che non riesce a ritrovarsi neanche dopo una settimana di ritiro. L’Atalanta si prende, e senza neanche soffrire troppo, i tre punti che lasciano interdetti e tormentati i tifosi rossoneri. Gli ospiti hanno atteso, lasciato sfogare il Milan e trovato il gol con relativa facilità. Una nuova sconfitta, l’ottava in diciotto partite, che solleva dubbi sull’operato di Rino Gattuso.

Gattuso, il peggior errore possibile

Il tecnico rossonero ha commesso l’errore peggiore possibile. Sfidare l’Atalanta, regina degli uno contro uno, mettendosi a specchio. Risultato inevitabile, considerando che i bergamaschi sono più organizzati e e molto più un forma rispetto ai rossoneri. Intensità e gioco della Dea mandano in frantumi lo “specchio” del Milan che si frantuma in mille pezzi e diventa un puzzle indecifrabile, in cui nessuno riesce a trovare la chiave. Non è solo una questione tecnica. Questa squadra sembra vittima di una spirale che, oltre ad allontanarla dall’Europa, rischia di trascinarla in un gorgo di mediocrità. Un lusso che il Milan non può permettersi.

E una gestione della gara discutibile

Parlare di ultima spiaggia per Gattuso, insediatosi da neanche un mese, sembra incredibile, ma il Milan è più vicino alla zona retrocessione che alla Champions. Nove punti in più sulla Spal, quattordici dal quarto posto. Se non è un fallimento tecnico, è qualcosa di molto simile. Gattuso già rischia. Il Milan è senza gioco e senz’anima e anche il tecnico appare in grave difficoltà. Nonostante l’evidente inferiorità di fronte all’avversario, non ha cambiato uomini e modulo: la prima sostituzione è arrivata dopo 70 minuti a risultato già ampiamente compromesso. L’esperimento di Cutrone sulla fascia è miseramente fallito, anche considerando l’impalpabilità di Kalinic al centro dell’attacco.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy