Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Mijatovic: “Real favorito in Champions, Ancelotti è un fenomeno me lo ha confermato anche Rummenigge”

Mijatovic: “Real favorito in Champions, Ancelotti è un fenomeno me lo ha confermato anche Rummenigge” - immagine 1

L'ex calciatore e dirigente incorona il tecnico italiano.

Redazione Il Posticipo

Real Madrid favorito per la finale di Champions. Parole di Mijatovic che nella trasmissione El Largero  ha espresso una sua personalissima tesi. "Il Liverpool è forte, ma ditemi una squadra in Europa che ha otto giocatori che hanno vinto quattro Coppe dei Campioni".

FAVORITO - Vero che la storia non scende in campo. Altrettanto innegabile che l'esperienza, a certi livelli, avrà il suo peso. "Il Real Madrid ha un'ottima squadra, forse la più completa. Benzema fa gol in tutti i modi e da ogni posizione, Vinícius è cresciuto molto, Rodrygo sta studiando da to player. Il resto della squadra ha grandissima esperienza. E poi c'è Ancelotti, che è un fenomeno me lo ha confermato anche Rummenigge. É un allenatore capace di instaurare un rapporto molto stretto, con i calciatori fondato sul rispetto reciproco e senza mai perdere le staffe. Si fa rispettare senza parlare troppo. Non ho sentito nessun giocatore parlare male di lui . È qualcosa di molto difficile dopo tanti anni".

CARATTERE - Mijatovic confida anche sul carattere del Real: "Arrivano sicuramente in vantaggio dal punto di vista psicologico, oltre che fisico perché il Liverpool si sta ancora giocando la Premier. Sono arrivati in finale rimontando PSG Chelsea e City. A livello personale non ricordo una impresa del genere ma posso dire che al Bernabeu dopo il gol del pari non c'era nessuno che pensava di non farcela. L'energia e il carattere trasmesso dalla gente è una simbiosi unica, che appartiene solo al Real Madrid".

Mijatovic: “Real favorito in Champions, Ancelotti è un fenomeno me lo ha confermato anche Rummenigge” - immagine 1

SUPERLEGA - Chiusura sulla Superlega. Mijatovic è convinto che nei piani alti della UEFA non vi sia ostilità nei confronti della Casa Blanca. "Ceferin non odia il Real Madrid, è semplicemente molto  arrabbiato per tutto quello che è accaduto e si è legato alla questione Superlega. Sicuramente se fossimo al suo posto saremmo arrabbiati anche noi. È un bravo dirigente che sta solo cercando di svolgere molto bene il proprio lavoro. E allo stesso modo sta difendendo il suo ente, esattamente come faremmo tutti noi”.