Meunier, affondo sul PSG: “Leonardo, non è professionale, né corretto, né rispettoso”

Arriva da Dortmund qualche retroscena sulla separazione tra Thomas Meunier e il Paris Saint-Germain. Il belga parla di comportamenti scorretti da parte di Leonardo.

di Redazione Il Posticipo

Le separazioni non sono mai facili.  Nel caso tra Thomas Meunier e il Paris Saint-Germain. Il belga parla di comportamenti scorretti da parte di Leonardo. E non le manda certo a dire.  Il belga si racconta in un’intervista a RTBF: “Mi sono quasi messo in ginocchio a Dortmund per giocare la Champions League con il PSG. Dopo, ho parlato con Leonardo e mi ha chiesto se fossi pronto per la Champions. Gli risposi che lo ero al cento per cento. Volevo godermi il PSG fino alla fine. E lui mi ha detto che avrebbero trovato una soluzione. E poi mi ritrovo a leggere che non voglio rinnovare. Piuttosto antipatica come cosa.

SILENZIO – Il classe ’91 torna sulla disputa tra il suo attuale club, il Borussia Dortmund, e il PSG. “Che il PSG non fosse d’accordo con il Dortmund non significa che mi rifiutassi di rinnovare. Non ho nemmeno ricevuto una proposta di rinnovo, perché mai i club dovevano raggiungere un accordo? Il PSG non voleva che restassi. È stato il mio agente a scoprirlo per posta. A me non hanno detto nulla. Un po’ codardi“.

DA SOLO – Ovviamente il calciatore non l’ha presa bene. “Ho chiamato Leonardo ma lui è rimasto fermo sulle sue decisioni. Non voleva che mi mettessi in contatto con altri giocatori e che potessi mettere  loro le mie idee in testa. Ho chiesto di fare le prove fisiche così, dopo tre mesi senza allenamento, anche per sapere a che punto mi trovassi. Alla fine ha accettato ma mi ha detto che non avevo il permesso di stare con nessuno nel gruppo. Questo non è né professionale, né corretto, né rispettoso“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy