Da un record all’altro: l’eterna sfida tra Messi e Ronaldo

Campionati, reti, trofei, Palloni d’Oro, record: qualsiasi tipo di statistica è un campo di battaglia per i due alieni del calcio mondiale. E la Champions non fa eccezione, anche a gironi già decisi.

di Redazione Il Posticipo

Barcellona e Real Madrid sono già qualificate al prossimo turno di Champions League. I blaugrana si sono guadagnati il primo posto nel girone che include la Juventus, vice campione d’Europa. I detentori del trofeo hanno avuto un cammino meno semplice del previsto, concludendo il proprio raggruppamento alle spalle del Tottenham. Per entrambe, quindi, la partita del sesto turno è comunque una formalità. E questo potrebbe significare decidere di tenere a riposo qualcuno, magari le stelle della squadra. Messi. O Ronaldo. E invece no, non se ne parla, perchè i due giocheranno. Il motivo? Molto semplice e ormai classico: una bella sfida a distanza.

Messi difende un primato…

Due carriere parallele, sempre alla ricerca della supremazia sportiva dell’uno sull’altro. Campionati, reti, trofei, Palloni d’Oro, record: qualsiasi tipo di statistica è un campo di battaglia per i due alieni del calcio mondiale e la Champions non fa eccezione. E anche l’ultima partita del girone può cambiare la carte in tavola, quando si parla di primati da prendersi. Il numero magico è il 60, cioè le reti segnate da Leo Messi nei gironi di Champions. Che, per inciso, supera di gran lunga le prestazioni in tutta la competizione della maggior parte degli altri grandi cannonieri del torneo. Escluso, chiaramente, Ronaldo, che è a quota cinquantanove.

…Ronaldo ne punta addirittura due

Ecco perchè le difese di Sporting Lisbona e Borussia Dortmund, che speravano di passare serate relativamente tranquille, saranno messe alla prova molto più del previsto dai due fenomeni. Anche perchè parliamo di uno solo dei record che Messi e Ronaldo si stanno contendendo. Ad esempio, chiunque dei due dovesse segnare per primo una tripletta, supererebbe l’altro nella speciale classifica, che al momento il portoghese e l’argentino guidano appaiati a quota sette. Per CR7 il tris varrebbe…doppio, perchè gli permetterebbe addirittura di pareggiare un altro dei suoi primati, quello di reti segnate nei gironi in una sola stagione, 11, stabilito nell’edizione 2015/16.

E a breve arriva il Pallone d’Oro…

In attesa della giornata di Champions, Ronaldo si appresta comunque ad aggiornare il palmarès, dato che si avvicina il Pallone d’Oro numero cinque. Quello del pareggio e che conclude, per ora, il decennio di dominio assoluto da parte dei due alieni del calcio odierno. Motivo in più per entrambi di spingere sull’acceleratore sin da ora. Per l’edizione 2018 però un trionfo europeo potrebbe non bastare, dato che c’è di mezzo un Mondiale. Dove l’Argentina di Messi sembra avere qualche possibilità in più del Portogallo di CR7. Il terzo incomodo sarà con tutta probabilità Neymar, che tra Brasile e PSG punta a vincere tutto il vincibile. Compito dei due “vecchietti” sarà ritardare il più possibile, a partire dalla Champions League, l’ascesa del nuovo re. Perchè come si dice: il nemico del mio nemico…è mio amico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy