Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Messi, la nuova casa a Ibiza è un incubo burocratico: la Pulce deve abbattere stanze non previste nel progetto

Messi, la nuova casa a Ibiza è un incubo burocratico: la Pulce deve abbattere stanze non previste nel progetto - immagine 1
La nuova casa a Ibiza del giocatore del PSG sta facendo parecchio discutere. Alla villa da 568 metri quadrati, con campo da calcio ed enorme piscina, manca qualcosa e non di poco conto: il certificato di abitabilità!

Redazione Il Posticipo

Quando si parla di Leo Messi, qualsiasi cosa è destinata a fare notizia. Il sette volte Pallone d'Oro è il calciatore più celebre al mondo e, dopo una stagione di ambientamento in seguito al traumatico addio al Barcellona, sembra tornato ai suoi livelli con la maglia del Paris Saint-Germain. Ma anche quello che alla Pulce accade fuori dal terreno da gioco diventa di rilevanza...mondiale, vuoi per il seguito social che ha il numero 10 della nazionale argentina, ma anche e soprattutto perchè la curiosità porta a un certo interesse per la sua vita privata. Ed ecco perchè la nuova casa a Ibiza del giocatore del PSG sta facendo parecchio discutere.

La villa delle vacanze estive di Messi

"Consultato il VAR sulla nuova casa di Messi alle Baleari", titola con buona dose di ironia il Majorca Daily Bullettin, chiosando che la Pulce si è beccata...una cartellino rosso. Ma cosa succede? Lo spiega il Periodico de Ibiza y Formentera, raccontando del nuovo investimento immobiliare di Messi. La villa da 11 milioni di euro in cui l'argentino ha passato l'estate in compagnia degli amici di sempre come Luis Suarez è infatti stata acquistata dal calciatore, che però si è trovato davanti a un vero e proprio incubo burocratico. Dopo il passaggio di mano con il precedente proprietario, lo svizzero Philippe Amon, avvenuto a febbraio, Messi ha scoperto che alla villa da 568 metri quadrati, con campo da calcio ed enorme piscina in una tenuta da 1800 metri quadrati, manca qualcosa.

Stanze da abbattere

E non esattamente di poco conto: il certificato di abitabilità. I problemi, spiegano dalle Baleari, riguardano alcune stanze che sono state ricavate dal garage della proprietà, che però non rientrano nel piano originario di costruzione. Una situazione...classica, che o si sana attraverso un condono o con la demolizione di quanto non presente nelle carte delle autorità. E da quanto racconta la testata locale, sono già in corso colloqui con chi di dovere per capire quale sarà la strada da percorrere, ma l'impressione è che le stanze in più andranno abbattute affinchè Messi possa ottenere il permesso. Nel frattempo, come dimostrano le vacanze estive, la Pulce nella casa ci ha vissuto eccome, ma la situazione, ora che è alla luce del sole, va sanata. Anche perchè, persino per Messi, la burocrazia non è un avversario semplice da dribblare!