Messi-Griezmann, ma quale astio: l’argentino ‘battezza’ il piccolo Diavolo in Champions

Qualche sospetto era venuto a molti: Griezmann e Messi avrebbero potuto non essere compatibili. E c’è anche chi dice che non si sopportino, ma intanto Messi regala a Griezou l’assist per il suo primo gol in Champions con la maglia del Barça.

di Redazione Il Posticipo

Barcellona, 2019. Ci si lamenta. E mentre per i tifosi di squadre un po’ meno fortunate questo sembra quasi offensivo, in Catalogna hanno deciso che non è più necessario insegnare calcio. L’importante, spiega Valverde, è vincere le partite e paradossalmente a qualcuno non sta bene. A proposito di polemiche continuano a non spegnersi quelle riguardanti i presunti rapporti compromessi tra Messi e Griezmann Ma è il campo a smentirle. Messi ‘regge’ Griezmann nel suo Battesimo europeo con la maglia blaugrana.

BATTESIMO – Contro il Borussia Dortmund il Barcellona va in vantaggio di due gol al 33’ con il doppio dialogo tra Messi e Suarez che si scambiano gol e assist. Nel secondo tempo, poi, arriva anche il terzo gol quello che chiude la partita, il gol di Antoine Griezmann. È sempre bello andare in gol nelle partite importanti, è sempre bello chiudere definitivamente una partita che dà l’idea di poter essere ancora messa in discussione. Ma Griezmann la chiude, su assist di Messi.

PRIMO GOL – Chiaramente, con il francese Messi non sarà ancora riuscito ad affinare la stessa intesa che ha con Luis Suarez. Ma questo non deve necessariamente significare che tra i due non corra buon sangue. Tra l’altro, per la maggior parte delle volte si analizza la scarsa mole di scambi tra i due senza pensare che per il gioco di Valverde, giocando sulle rispettive fasce, i due non hanno enormi occasioni di dialogare. Così, il primo gol in Champions League di Griezmann con la maglia del Barcellona arriva proprio su assist della Pulce, un assist che suona come un “benvenuto” nella maniera più concreta e definitiva possibile. Che poi i due non posino insieme per delle foto da pubblicare sul sito del club e che non vadano a cena nelle rispettive case non è un problema. Almeno, non in campo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy