Messi all’Almeria: uno scenario possibile…

Simpatico siparietto in Arabia, dove il presidente dell’Almeria ha approfittato della presenza della Pulce per una foto ricordo e una… riunione di mercato!

di Redazione Il Posticipo

Messi, un futuro all’Almeria. Non subito, sia chiaro. Pensieri e parole di Turki Al-Sheik, in nomen omen. Sceicco che ha in mano il club spagnolo e grandi ambizioni.  Al punto che, come riportato dal Mundo Deportito, avrebbe proposto a Messi di unirsi alla squadra che attualmente milita in seconda divisione ed è in corsa per la promozione nella Liga. Ovviamente non subito, al netto di quanto apparso sui social netwotk…

IDEA – Messi, come noto, si trova in Arabia Saudita per l’incontro amichevole in programma contro il Braisle. Difficile, dunque, trovare migliore occasione, per incontrarsi con l’ambizioso presidente dell’Almeria. Foto di rito e poi una dichiarazione. “Sono felice di vederti qui in Arabia. Spero che ci incontreremo nella partita tra Almeria e Barcellona il prossimo anno”. Quindi arriva anche la… proposta, considerando che Messi non ha ancora firmato il contratto che lo legherà a tempo indeterminato al Barcellona: “E spero di averti nella mia squadra tra cinque anni, quando sarai più economico di adesso”. La cosa deve essere anche abbastanza seria considerando il tweet pubblicato con tanto di didascalia “Mercato invernale”… da parte di Dario Drudi, allenatore argentino e attualmente direttore sportivo del club spagnolo.

DIPLOMAZIA  – La Pulce ha ovviamente risposto con un sorriso alla proposta del ricco proprietario che tuttavia ha già costruito una discreta rete con il calcio argentino. “Abbiamo buoni rapporti con l’Argentina, la squadra nazionale ci ha già fatto visita, così come Maradona e Batistuta. Stiamo cercando di migliorare l’immagine del calcio in Asia e in tutto il mondo. Abbiamo in programma qui la finale della prossima  Coppa d’Asia e nelle nostre intenzioni c’è un progetto con Menotti per aprire un’università del calcio, anche per offrire opportunità ai giocatori”. Del resto si diventa grandi attraverso lo studio dei campioni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy