Mertesacker vuota il sacco su Wenger: “Troppo indulgente con il gruppo”

Mertesacker vuota il sacco su Wenger: “Troppo indulgente con il gruppo”

L’ex giocatore, nella sua autobiografia, svela alcuni segreti dello spogliatoio dell’Arsenal quando il tecnico francese era al timone dei gunners.

di Redazione Il Posticipo

“Wenger è stato troppo indulgente con il gruppo“. Pensieri e parole trascritti nella biografia di Mertesacker. L’ex calciatore ha svelato nella sua biografia i rapporti fra lo spogliatoio dell’Arsenal e il tecnico francese. E, come riportato dal Mirror, non ha lesinato critiche, anche se tutto sommato traspare apprezzamento.

INDULGENTE – Secondo il difensore, il pregio di Wenger è stato anche suo maggior difetto. “Wenger era quel tipo di allenatore la cui fiducia nelle qualità della squadra era solida come una roccia. Affrontava le cose con infinita pazienza. Anche troppa. Forse è stato un po troppo indulgente. Non a caso, quando abbiamo perso una partita, spesso sono arrivate sconfitte in seguito. Abbiamo potuto far pesare la nostra qualità in sei partite di Coppa d’Inghilterra, ma non sulla lunga distanza: 38 partite di campionato diluite in 10 mesi rappresentano qualcosa di diverso. Ci mancava la continuità di rendimenti di cui hanno bisogno tutti i top team che vogliono puntare al titolo. Non puoi pensare di vincere il campionato collezionando otto sconfitte all’anno”.

COERENTE – La forza di credere nelle proprie scelte, però, potrebbe essere interpretato anche come coerenza. E forse i giocatori potrebbero aver abusato della pazienza di Wenger.  In questa ottica, Mertesacker non scarta a priori la tesi. ” Wenger ci considerava prima come uomini e poi come calciatori, per questo, fidandosi di noi, ci ha sempre sostenuto. Potremmo chiederci se abbiamo fatto di tutto per giustificare la sua fiducia nei nostri mezzi. O pensare se in campo siamo stati sempre precisi nel rispettare le sue indicazioni. Di certo la squadra non ha imparato dai propri errori ma è anche vero che Wenger , capace di vincere tre titoli in Premier, ma non ha mai avuto una rosa competitiva come quella del 2004 negli ultimi anni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy