Merson in tackle su Emery: “Dopo 18 mesi non ha ancora idea di cosa stia facendo”

L’ex difensore dell’Arsenal non ha molta stima del tecnico spagnolo e ritiene che l’Arsenal non possa essere competitivo per il vertice. Obiettivo massimo: quarto posto…

di Redazione Il Posticipo

Paul Merson in tackle durissimo su Emery. L’ex giocatore dell’Arsenal, come riportato dal Sun, ha spiegato perchè, a suo avviso, Emery non potrà aspirare a un campionato di vertice.  Pensieri e parole che non faranno felice il tecnico spagnolo, di fatto sfiduciato dopo neanche un quarto di Premier League.

CONFUSIONE – Merson, che ha parlato ai microfoni di sky sports, ha espresso tutto il proprio disappunto sulla gestione tecnica dei gunners. “Emery non ha la minima idea di cosa stia facendo. Ciò che mi stupisce maggiormente sono le sue ultime dichiarazioni. Vuole cinque punti fermi. Ciò mi induce a pensare che non abbia neanche un punto fermo. Occupa la panchina da un anno e mezzo e non sa quale possa essere la squadra migliore“.

DAVID LUIZ – Merson ha i suoi punti fermi. E anche idea di chi debba indossare la fascia di capitano. “Le squadre più forti sono quelle che giocano praticamente con la stessa formazione di settimana in settimana. Nell’Arsenal invece non si sa mai chi e come scenderà in campo. Il capitano non dovrebbe essere Xhaka, ma David Luiz. Ha una storia di grandi successi alle spalle, è il punti di riferimento della difesa. Altrimenti si potrebbe consegnare ad Aubameyang. In ogni caso, questi due ragazzi dovrebbero scendere in campo ogni settimana, a prescindere dall’avversario“.

FUTURO – I tifosi dell’Arsenal possono dunque rassegnarsi: la squadra non è competitiva per il successo. E neanche per il podio. In questo senso Merson vedrebbe meglio il Totteham: “L’Arsenal ha aggiustato qualcosa, ma non può pensare di recuperare sempre il risultato e inseguire. Credo che l’obiettivo massimo possa essere il quarto posto. Il terzo lo vedo più appannaggio del Tottenham“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy