Merson avvisa il Liverpool: “Rischia di arrivare quarto in classifica”

Merson avvisa il Liverpool: “Rischia di arrivare quarto in classifica”

La sfida contro il Leeds ha convinto l’ex difensore che i Reds siano formidabili negli undici titolari ma non abbiano abbastanza ricambi.

di Redazione Il Posticipo

“Il Liverpool rischia di arrivare quarto”. Pensieri e parole di Paul Merson, riportate da Sky Sports. L’ex difensore dell’Arsenal ritiene che il vero limite della squadra di Klopp sia una rosa troppo corta. In sintesi: negli undici i Campioni d’Inghilterra sono una squadra fantastica. I ricambi però non sono all’altezza delle ambizioni.

ACQUISTI – Il Liverpool doveva intervenire sul mercato. “Penso che si siano presentati contro il Leeds con supponenza e pensando che avrebbero avuto vita facile. Ho visto i gol che hanno subito e ritengo che abbiano urgente bisogno di nuovi acquisti. Non mi sorprenderebbe se questa squadra arrivasse quarta in classifica. La prima giornata ha mostrato che il Liverpool ha una squadra di enorme qualità, ma limitata. Van Dijk non può concedersi errori né infortuni. I terzini non possono permettersi un raffreddore, esattamente come i tre attaccanti perché non c’è nessuno in grado di sostituirli”.

CONCORRENZA – Merson ritiene che la concorrenza sarà molto più agguerrita. Perché ha una rosa più ampia. “Se qualcuno del Manchester City si infortunerà, non è un problema insormontabile Nel Liverpool, a differenza della concorrenza, ci sono cinque o sei giocatori che devono assolutamente scendere in campo ogni settimana, perché farne a meno significa indebolire immensamente la squadra. In Inghilterra non ci si possono permettere cali di forma o di tensione. Questo è il campionato più difficile al mondo. Essere sempre al pieno della forma fisica è il primo passo. Poi si possono avere i migliori giocatori al mondo ma il calcio è fatto di ritmo e corsa. E se non si riesce a reggere i 90′ è equivalente a non scendere in campo”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy