calcio

Mercato, lo United cambia registro! Spunta la “regola del 28” per colpa…di Alexis Sanchez!

(Photo by Gareth Copley/Getty Images)

I Red Devils sono reduci da troppe scelte sbagliate quando si parla di trasferimenti. Per non incappare in ulteriori fallimenti, la società ha preso misure piuttosto rigide. Avrà dato mica una sbirciatina in casa dei cugini del Manchester City?

Redazione Il Posticipo

Mai più fallimenti! La dirigenza del Manchester United vuole raddrizzare il tiro in vista del futuro. In questo senso la scelta di puntare sul norvegese Ole Gunnar Solskjaer si è rivelata a sorpresa vincente: l'uomo che ha sostituito José Mourinho ha spiazzato tutti, con un filotto di risultati utili difficilmente pronosticabile quando è stato chiamato per sostituire il portoghese sulla panchina dei Red Devils. Fatto ordine in campo, bisognerà essere più smaliziati anche fuori dal terreno di gioco: soprattutto dopo il flop Alexis Sanchez, arrivato nello scorso mercato invernale, quando in panchina c'era ancora lo Special One.

CASO SANCHEZ - Lo United cambia registro e la società crea una regola ad hoc per il mercato! Gli ultimi giocatori arrivati all'Old Trafford infatti non sono riusciti a lasciare il segno... nonostante siano stati pagati a peso d'oro: su tutti Alexis Sanchez, arrivato nel gennaio 2017 in uno scambio con l'Arsenal che ha visto Henrikh Mkhitaryan partire in direzione Emirates. L'attaccante cileno classe '88 è il giocatore più pagato della Premier League con uno stipendio di oltre 400.000 sterline a settimana: nonostante questo però all'Old Trafford è stato l'ombra di se stesso. Col senno di poi puntare su di lui è stato sbagliato... considerando la busta paga!

COME IL CITY - Di conseguenza, secondo quanto riportato dal giornalista John Cross del Mirror, lo United non comprerà più giocatori con più di 28 anni da qui in avanti. Aspettando di capire se Solskjaer sarà l'allenatore dei Red Devils anche il prossimo anno, la prima certezza in vista della stagione 2019-20 riguarda l'età media della squadra: sarà uno United all'insegna dei giovani. Un approccio che contraddistingue già i cugini del City da quando all'Etihad è arrivato Pep Guardiola. In vista della prossima stagione lo United cerca anche un direttore sportivo: spetterà a lui fare meglio nel reclutamento dei nuovi giocatori, ma dovrà rispettare la regola del "28". È avvisato.